Siccità e vento in nemici della California del Sud

0
7

incendi californiadalla nostra corrispondente da Los Angeles, Stella S.
Con il fuoco alle calcagna, non c’è tempo per  organizzare  cos’è importante da salvare oltre la vita.  Più di 200.000 persone hanno dovuto evacuare, benchè nessuno vorrebbe essere costretto  a chiudere la porta di casa, forse per sempre. La necessità di scampare al pericolo  imminente  impone scelte veloci, salire in macchina appena possibile  e raggiungere i posti di soccorso.
La siccità ma specialmente  il vento di Santa Ana,  sono i responsabili maggiori dell’emergenza incendi  quasi indomabili. I fuochi crescono e si moltiplicano sotto la forza del vento  aggressivo che ha già impegnato più di 1.800 vigili del fuoco  sottoposti  ad azioni di soccorso  lottando contro il calore, fiamme, fumo e ceneri.  Elicotteri sorvolano  in continuazione le zone colpite. Un’aria irrespirabile impone  d’evitare di uscire  all’aperto  e usare maschere protettive nella necessità.
Sono state chiuse 260 scuole pubbliche e charter mentre gli aeroporti sono regolarmente funzionanti.  Il sindaco di Los Angeles, Eric Garcetti, ha chiesto l’immediata collaborazione delle famiglie a rischio, d’evacuare a comando appena dovessero ricevere l’ordine poichè la situazione è imprevedibile. 
Le case in legno a prova di terremoto,  sono facile preda per il fuoco e maggiormente i tetti di materiale non ignifugo. peggiorano la situazione. 
La forza del  fuoco in poche ore riesce a bruciare 11.000 ettari di bosco.
L’incendio, iniziato a Thomas, si è allargato nella zona di Santa Paula per raggiungere quella di Ventura Country.
I numeri sono alti, più di 98.000 miglia bruciate. Non c’è molto scampo per gli animali selvatici  e chi è proprietario di cavalli, deve trovare loro  rifugio dove è possibile, le poche università dove s’insegna agraria, come al Pierce College nella Valle di San Fernando, sono al completo.
Questa notte sarà una lunga notte di paura, per tutte le aree che bruciano. L’ultima, lo Skrball Fire, sono bruciati 475 ettari e il vento ha spinto il fuoco  nel cuore di Bel- Air, dove è obbligatoria l’evacuazione da questa  zona esclusiva, con case d’epoca  vicino all’università U.C.L.A. circondando  il Getty Museum  e raggiungendo i lati della più battuta autostrada senza pedaggio, la 405, che  per 9 km è rimasta chiusa .
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here