Rugby

Rugby: la Georgia batte l’Italia 28-19.

Primo successo dei "Lelos" contro gli azzurri.

Batumi, 10 Luglio 2022

Partita difficile per l’Italia, a chiudere in Georgia il tour estivo nel piccolo ma moderno stadio di Batumi, città affacciata sul Mar Nero.

Ad attendere gli azzurri i volenterosi e ambiziosi Lelos, che ci hanno puntato da tempo come obiettivo da superare per salire nel rugby di primo livello.

Ed oggi riescono per la prima volta a superarci sul campo, dopo averlo fatto da tempo, coi numeri, nel ranking mondiale.

Vittoria meritata per 28 a 19, contro un’Italia dalle idee confuse, a causa della costante pressione degli avversari in ogni fase di gioco.

Partono forte i padroni di casa, che riescono ad andare due volte in meta (Todua e Abzhandadze) e portarsi sul 12 a 0.

Poi il ritorno progressivo dell’Italia, con la meta caparbiamente marcata da Menoncello e la precisione in piazzola di Allan (una trasformazione e due calci di punizione).

Conseguito il sorpasso, gli azzurri calano di concentrazione.

Concedono così una nuova incursione dell’estremo Niniashvili, che rimanda in meta l’apertura Abzhandadze per il controsorpasso.

Subito dopo arriva il cartellino giallo per Halafihi, e Italia in inferiorità temporanea.

Si chiude il primo tempo oltre 3 minuti dopo il 40’, con vari tentativi azzurri, purtroppo tutti arginati dai georgiani.

All’intervallo il parziale è di 19-13.

Nella ripresa ci vogliono dodici minuti per rimuovere il punteggio: ancora un calcio piazzato di Allan riporta l’Italia a ridosso.

Ma nello stesso modo i georgiani riallungano con Abzhandadze.

E non allentano la grande pressione sugli azzurri, che stentano a costruire opportunità e sono imprecisi nel maneggiare l’ovale.

Ancora due calci piazzati, prima Aprasidze e poi Allan, mantengono a cinque i punti di vantaggio dei padroni di casa, quando mancano 7 minuti alla fine.

Al 78’ ancora Abzhandadze segna il piazzato decisivo, che porta il vantaggio georgiano a 9 punti nell’ultimo minuto, sino al fischio finale.

Male oggi l’Italia sia in mischia che in touche, vittoria meritata della Georgia.

C’è però da sperare che si parli, d’ora in avanti, dei progressi dei Lelos, piuttosto che rimettere ancora una volta in discussione la posizione dell’Italia nel panorama internazionale.

TABELLINO: GEORGIA ITALIA 28-19 (parziale 19-13)

Marcatori: Primo tempo: 10’ m. Todua (G); 13’ m. e tr. Abzhandadze (G); 20’ m. Menoncello tr. Allan (I); 27’ cp. Allan (I); 32’ cp. Allan (I); 35’ m. e tr. Abzhandadze (G). Secondo tempo: 52’ cp. Allan (I); 56’cp Abzhandadze; 70’ cp Aprasidze; 73’ cp. Allan (I);78’ cp Abzhandadze.

Formazioni:

GEORGIA: Niniashvili, Tabutsadze, Kveseladze, Sharikadze (capitano), Todua; Abzhandadze, Lobzhanidze; Gorgadze, Saginadze, Giorgadze; Jaiani, Cheishvili; Gigashvili, Mamukashvili, Gogichashvili. A disposizione: Chkoidze, Abuladze, Japaridze, Chachanidze, Mamamtavrishvili, Aprasidze, Khmaladze, Tapladze (C.T.: L. Maisashvili).

ITALIA: Capuozzo, Menoncello, Brex, Zanon, Padovani; Allan, Garbisi A.; Halafihi, Lamaro,(capitano), Ruzza; Fuser, Cannone; Ferrari, Lucchesi, Fischetti. A disposizione: Nicotera, Nemer, Neculai, Sisi, Pettinelli, Giammarioli, Fusco, Garbisi P. (C.T.: K. Crowley).

Arbitro: Pickerill (Sudafrica).

Back to top button