Calcio

La melina della Juve tradisce lo show – Più rispetto per chi paga

calcio juve porto champions leagueRoma, 15 marzo 2017 – La Juve ha passato agevolmente il turno contro il Porto e vola verso i quarti di finale di Champions.  Purtroppo l’evento è maturato attraverso rigori ed espulsioni. Ci deve essere davvero una congiura contro i bianconeri perché nelle varie competizioni a  cui partecipa difficilmente riesce ad imporsi in maniera lineare.
Peccato, perche la formazione di Allegri avrebbe tutte le carte in regola per imporsi sul campo esibendo un calcio spettacolare. Ed invece, anche  contro il Porto ha dovuto fare melina per tutto il secondo tempo  poiché ai portoghesi  – sotto di 1-0 (3-0 considerando il 2-0 fuori casa dell’andata)  sarebbe stato necessario segnare 4  gol in 45 minuti, (con un giocatore in meno,) per ribaltare la situazione .
Pura fantascienza.
Quindi via al tic tac per linee orizzontali, palla spesso a Buffon  per la delizia degli spettatori dello Juventus Stadium e per  la moltitudine di utenti televisivi che avevano deciso di trascorrere piacevolment e la serata seguendo Juventus-Porto!
In effetti non è dato sapere se i tifosi bianconeri, sugli spalti o alla TV, si siano davvero divertiti. È lecito pensare di no. A quel punto si aspettavano una bella goleada  storica da raccontare ai propri nipotini. Con Higuain, Dybala a rincorrere record di segnature. 
Sicuramente non si è divertito affatto chi segue il calcio per il gusto dello spettacolo.  Questi dopo 10 minuti del secondo tempo, visto il desolante spettacolo  agonistico cui stavano assistendo,  hanno fatto in tempo ad andare al cinema od a cambiare canale per seguire i Mondiali di Baseball o il Torneo ATP di Tennis di Indian Wells!
Sicuramente ieri sera  non è stato reso un gran bel servizio al calcio che non attraversa certamente un momento di grande spolvero. Pensiamo soltanto che a Lazio–Torino (match di discreto spessore con la sfida fra i due bomber italiani Immobile-Bellotti) lunedi sera erano presenti 15 mila spettatori.  Di questo passo allo stadio, o dinanzi alla TV a pagamento,  andrà soltanto il “popolo bianconero”. Peraltro ben felice di questo regime di monopolio.
Tutto questo preambolo per dire che bisogna avere  più rispetto per i fruitori del calcio per chi lo sostiene economicamente. Per  che già è obbligato a vedere che la sua  squadra del cuore spesso  non ha più giocatori italiani. Almeno concediamogli di godere dello spettacolo calcistico sportivo offerto dal campo. Delle prodezze collettive od individuali. E, soprattutto, diamogli gol (od opportunità di gol, emozioni, parate ecc) che sono  il momento clou del calcio.
L’Inter contro l’Atalanta ha continuato a spingere sull’acceleratore fino ad arrivare al 7-1. Non si è messa a fare calcoli su come risparmiare energie, anche a vittoria più che assicurata. La gente si è divertita: i giocatori pure. Si sono divertiti gli spettatori di Torino?  C’è da dubitarne anche perché a giocare era soltanto il Porto che ha anche rischiato l’1-1 a pochi minuti prima della fine. Sarebbe stata uno smacco meritato.
A Torino abbiamo registrato anche un ennesimo episodio di  un  certo tipo di malcostume calcistico assolutamente da censurare, ma invece accettato e condiviso come fosse eticamente corretto.
A dieci minuti dalla fine al culmine della melina perditempo juventina tutti hanno potuto assistere alla cerimonia dell’uscita dal campo (per sostituzione) di Dybala avvenuta a ritmo di valzer lento. Al passo strascicato del turista che guarda le vetrine. I lusitani in 10 che cercavano il gol  della bandiera  e del pareggi  e il prode Dybala (un genio del calcio a metà strada fra Messi e Totti), che se ne viene piano piano attraversando  il campo da un lato all’altro. Impiegando un’eternità.
Ma la partita? Sono previsti 30” di recupero, ma uscite come quella del fenomeno argentino  durano assai di più e sono uno stratagemma cui gli allenatori ricorrono spesso quando vogliono perdere tempo. A volte il giocatore da sostituire viene preavvertito di modo che al momento del fischio di interruzione si faccia trovare nel posto più lontano dal tunnel di uscita di modo che questa assurda passerella  duri più a lungo possibile.  Queste deprecabili,  antisportive,  furbate non vengono mai sanzionate.
Unica eccezione, l’arbitro Massa in occasione di Juve-Milan  che allungò il recupero del recupero a circa 5 minuti per la sostituzione del milanista Sosa. Ma questa è ormai acqua passata.
Back to top button