Racconti di sport

Racconti di sport. 40 anni fa, il “Lupetto”

Anzalone e la nascita del “Lupetto”

Roma, 21 luglio 2018 – Oggi il marketing la fa da padrone nel calcio. Ma c’è stato un tempo in cui non era così. Un tempo nel quale, se volevi comprarti la maglia della tua squadra del cuore non potevi, a meno che non eri della Juventus, del Milan o dell’Inter. Perché alla Standa (il supermercato di allora) vendevano solo le casacche di queste tre, delle altre nemmeno a parlarne. Fu in quel tempo che un presidente della Roma, Gaetano Anzalone, che per molti è stato minore, ma che invece fu molto lungimirante, costruì il centro sportivo di Trigoria e portò il marketing nel calcio italiano.

Da una sua intuizione geniale, infatti, nacquero il Lupetto (che prese il posto della Lupa Capitolina e che ancora appare, alternato a quella, sulle maglie della squadra) e quella grossa R nera bordata di giallorosso che divenne, insieme al Lupetto, il logo con cui commerciare, finalmente, i prodotti dell’AS Roma. Tute, maglie da gioco e ammennicoli vari.

Ad Anzalone l’idea venne dopo una tournée estiva negli Stati Uniti, nel corso della quale apprezzò la capacità degli americani di sfruttare nel modo migliore possibile i loghi delle proprie squadre di basket e football attraverso il marketing e il merchandising. Concetti che nel calcio italiano di fine anni settanta erano ancora sconosciuti. Così, una volta tornato in Italia, incaricò il celebre grafico Gratton, già inventore del logo del TG2, di creare un nuovo logo per l’AS Roma e lui ideò “Lupetto” ed “R” succitati, depositandoli esattamente 40 anni fa, il 21 luglio del 1978. Insieme ai nuovi simboli, la Roma adottò anche una maglia molto “americana” e totalmente innovativa rispetto a quelle del passato, la cosiddetta “maglia a ghiacciolo”, rossa pomodoro con spalline giallo-arancio e colletto a V bianco (la prima) o bianca con spalline giallo-arancio-rosse (la seconda).

Ai puristi non piacque, a noi che a quel tempo eravamo adolescenti, invece, colpì tantissimo. E forse anche per questo, ancora oggi, la ricordiamo sempre con molto affetto.

Con quella maglia (la seconda, bianca) la Roma tornò a vincere un trofeo dopo molti anni di astinenza (la Coppa Italia del 1980).

Intanto alla presidenza, Dino Viola era succeduto ad Anzalone e molte altre società avevano messo in piedi operazioni simili a quella fatta dalla Roma, la prima italiana ad aver introdotto in grande stile il marketing nel nostro calcio.

Ricordiamo l’aquila stilizzata della Lazio, il diavolo del Milan, il biscione dell’Inter, il ciuccio del Napoli, i satanelli del Foggia, il galletto del Bari e il grande giglio della Fiorentina.

Oppure, sulla scia del Lupetto, la testa stilizzata dell’aquila del Palermo e quella del Grifone del Genoa.

E tutto ebbe inizio in questo giorno di 40 anni fa, quando il grafico Gratton e la Roma posero la prima pietra per trasformare in calcio italiano in quello che è oggi.

 

Tags
Close