Racconti di sport

Racconti di sport. Auguri Toro!

calcio toro pulici grazianiCelebriamo i 110 anni del Torino, fondato il 3 dicembre 1906, proponendovi un racconto che rievoca lo scudetto vinto nel 1976 (nel 70mo anno dalla fondazione) inserito nel nostro libro “Leggende”, che può essere richiesto scrivendo a redazione@attualita.it

I Gemelli del Gol

Quando giocavano insieme nel Torino si compensavano l’uno con l’altro e formavano una fortissima coppia di attaccanti, tanto che un giornalista tuttora sconosciuto li soprannominò “I Gemelli del Gol”. Un modo di dire in voga ancora oggi per indicare una formidabile coppia di attaccanti, proprio come fu quella del Torino degli anni ’70: Paolino Pulici (per tutti “Puliciclone” o più semplicemente “Pupi”) e Francesco Graziani, alias “Ciccio-gol” o “il generoso”.

Due campioni della nostra gioventù, anche se tifavamo per un’altra squadra. Vederli giocare, infatti, entusiasmava chiunque non fosse della Juventus, la loro acerrima rivale cittadina e per il titolo, alla quale lo strapparono nel mitico campionato 1975-76 e che, a sua volta, glielo strappò, di un solo punto, nel torneo seguente (1976-77), nel quale, dei 60 punti a disposizione in totale (la vittoria ne valeva 2) il Torino ne conquistò ben 50 e la Juve 51! Se non sono leggende queste…

Proprio come la loro, quella dei gemelli del gol Pulici e Graziani, che hanno segnato un’epoca del nostro calcio e ben 200 gol solo in campionato in maglia granata. Numeri da brivido che diventano ancora più impressionanti se scomposti torneo per torneo: le 20 reti nel 1973-74 (6 gol Graziani, 14 Pulici e quinto posto per il Torino); le 30 del 1974-75 (12 Graziani e 18 Pulici, capocannoniere del campionato); le 36 del 1975-76 (15 Graziani, 21 Pulici, ancora capocannoniere) che regalano lo scudetto al Torino; le 37 del 1976-77 (21 Graziani, capocannoniere, 16 Pulici); le 23 del 1977-78 e poi le 19 del 1978-79; le 15 del 1979-80 (ma 12 solo di Graziani) e le 20 dell’80-81, l’ultimo campionato che hanno giocato nel Toro. Totale: 200 gol segnati insieme solo in campionato, con 3 titoli capocannonieri e uno scudetto da esporre in bacheca, Radice portato in trionfo dai suoi che, oltre a loro, erano Zaccarelli e Claudio Sala, il portiere Castellini e l’Eraldone Pecci, Mozzini e Salvadori, Patrizio Sala, il libero Caporale e tutti gli altri. Una formazione che fece rivivere i fasti del Grande Torino, ma che in Pulici e Graziani aveva le sue stelle. Per questo, in un libro che parla di leggende, abbiamo voluto inserirli.

Perché loro e quel Torino hanno scritto una delle pagine più belle del grande libro del calcio italiano.

Back to top button