Medicina

I rimedi naturali per trattare l’intolleranza ai lieviti

lievito birraQuando si parla di “lieviti”, il pensiero va immediatamente a quelli usati nella panificazione e nell’industria dolciaria per far lievitare pane, torte ecc. Ma la famiglia dei lieviti è molto ampia e presente in moltissimi alimenti, tra i più comuni e frequenti sulle nostre tavole: dagli amidacei ai cibi zuccherini o fermentati, dagli alcolici – in particolare vino e birra – ai latticini (yogurt compreso). Non è raro quindi che, alla lunga, si crei nell’organismo un sovraccarico di sostanze fermentanti, che intasa e intossica l’intestino. I sintomi con cui generalmente si manifesta questa intolleranza sono tutti collegati all’apparato gastrointestinale e comprendono in particolare: gonfi ore e pesantezza addominale, digestione lenta e difficile, spesso accompagnata da un senso di sonnolenza subito successivo al pasto, stitichezza e infezioni delle vie genito-urinarie.
Dieta “a esclusione” e cocktail omeopatico per vincere i disagi
L’intolleranza alimentare al latte e ai suoi derivati è ogni anno sempre più in crescita e sono sempre di più le persone che incontrano difficoltà a digerire alimenti tanto nutrienti quanto pesanti. Anche in questo caso i sintomi più frequenti sono quelli a carico dell’apparato digestivo e intestinale, a causa dell’alterazione della flora batterica, la prima a risentire dell’abuso di latticini. La prima cosa da fare, quando compare una reazione anomala dell’intestino ai cibi contenenti il lattosio, è seguire una dieta a esclusione, eliminando dal proprio programma alimentare il latte e tutti i suoi derivati. Nella maggior parte dei casi, un periodo di 4-6 settimane è sufficiente per far scomparire i principali disturbi. Per un risultato più rapido e duraturo, possiamo contare sull’aiuto di quattro rimedi omeopatici. Ecco quali:
– Allium cepa e Allium sativum 5 CH, 3 granuli 3 volte al dì per 1-3 mesi, efficace per ridurre coliche e dissenteria.
– Calcium carbonicum 30 CH, 3 granuli una volta al giorno per un mese riducendo in base al miglioramento, per facilitare la digestione.
– Guaiacum 7 CH, 3 granuli, 3 volte al giorno, per “sgonfiare” l’addome.
Così sedi i disordini da lievito
I macerati glicerici utili ad alleviare i sintomi tipici dell’intolleranza al lievito sono quelli ricavati dalle gemme del mirtillo nero (Vaccinium myrtillus) e del noce (Juglans regia), in associazione tra loro. In particolare, il macerato glicemico di mirtillo nero contrasta il meteorismo causato dell’eccessiva fermentazione intestinale e favorisce il processo digestivo. Mentre il macerato glicemico di noce stimola e regolarizza l’attività intestinale, ripristinando la normale flora batterica e la distensione addominale.
La posologia suggerita è di 30-50 gocce di ciascun rimedio, diluite in mezzo bicchiere d’acqua minerale naturale, da assumere 3 volte al giorno, un quarto d’ora prima dei pasti principali.
La thuja allevia la sindrome del colon irritabile
Il rimedio più utilizzato contro i disturbi legati all’intolleranza al lievito è Thuja, capace di ridurre le infiammazioni digestive croniche, come la sindrome del colon irritabile. È indicato per ripristinare la normale peristalsi intestinale, eliminando l’alternanza di stitichezza e diarrea. Il rimedio omeopatico va assunto in diluizione alla 30 CH, 5 granuli due o tre volte al giorno per almeno un mese, riducendo progressivamente le somministrazioni in base al miglioramento dei sintomi.
 
riza
Back to top button