Medicina

Coronavirus: Los Angeles in emergenza. Introvabile la carta igienica!!!! Problema rimediabile.

Dalla nostra corrispondente da Los Angeles, Stella S.

Los Angeles, 11 marzo 2020 – Si legge su siti e giornali italiani “California in emergenza virus”, “San Francisco in emergenza “.
Il passaparola del panico italiano per i disagi causati dall’epidemia del Coronavirus, ha già attraversato l’oceano e messo in emergenza chi non lo era.
La California non è in emergenza. Persone infette dal virus malefico, ovviamente riconosciuto, sono arrivate con le navi da crociera. I passeggeri contagiati della nave ‘Diamond Princess’ hanno trovato assistenza a San Francisco e il loro sbarco è stato organizzato con tutte le attenzioni possibili.
Tre americani di ritorno a Los Angeles da una vacanza sulla nave in Italia, contagiati dal Coronavirus probabilmente in albergo, sono stati immediatamente messi in quarantena. Sant’Antonio ha dato alloggio nell’ospedale militare tenendoli in quarantena . Purtroppo è stata rilasciata una donna considerata ormai fuori contagio, ma è risultata positiva mentre ormai festeggiava la libertà visitando una Mall della città. Rintracciata, ha dovuto ritornare in osservazione. Si è considerato minimo il danno del possibile contagio avvenuto durante la sue ore passate a contatto con il pubblico.
Le scuole continuano i soliti orari, le messe ancora si celebrano, i negozi sono aperti al pubblico come i ristoranti e centri commerciali. Si raccomanda qualche buona regola di condotta: evitare le strette di mano e coprirsi la bocca nell’esigenza di uno sternuto. Si notano alcune persone anziane uscire con la mascherina protettiva, nei negozi alimentari e non, alcune cassiere la portano.
Un’emergenza a Los Angeles, comunque, esiste: la carta igienica sembra introvabile!
Si vendono bottiglie d’ acqua in quantità che però non manca sul mercato, mentre i pannolini per bambini (disponibili su siti al costo tripicato) e disinfettanti, sono difficili da trovare. Ovviamente nelle situazioni d’emergenza c’è sempre chi ci fa un business. La conseguenza della situazione italiana, ha messo in ginocchio le compagnie aeree costrette a cancellare i voli. Specialmente l’aeroporto di Malpensa ne soffre maggiormente le conseguenze.
Lo stato d’emergenza dunque in California non sussiste. Ci auguriamo l’Italia possa riprendere fiato dopo l’imposizione del decreto d’isolamento.
Stella S.

Back to top button