Tematiche etico-sociali

L’ULTIMA FRONTIERA DELL’IPOCRISIA LINGUISTICA: I “DIFFERENTEMENTE ABILI”

Più che rendere politicamente corretto il linguaggio si dovrebbe favorire concretamente chi combatte la battaglia quotidiana di una vita difficile
vocabolario_accademia_crusca

Da decenni ormai la lingua italiana (e non solo) è tenuta in ostaggio dal “politicamente corretto”, la mania di eliminare termini ritenuti anche solo potenzialmente offensivi verso alcune categorie, soprattutto soggetti colpiti da invalidità e menomazioni. Il processo di edulcorazione era partito coniando nuove espressioni per definire coloro che tutti i giorni facevano i conti con problemi tanto pesanti quanto variati: in tal modo ciechi, paralitici, sordi diventarono miracolosamente non vedenti, non udenti o audiolesi, artolesi. Questo pur proseguendo a non vedere, non sentire, non camminare. Stesso destino fu riservato a coloro che, affetti da una particolare malattia genetica, erano stati chiamati per anni “mongoloidi”: diventarono “Down”, dal nome del medico inglese che per primo descrisse tale patologia. Peccato però che fosse stato proprio lui a usare nei suoi scritti la parola giudicata lesiva della dignità di quelle persone. Volendo poi raggruppare in un’unica espressione tutte queste condizioni di obiettiva difficoltà si iniziò a parlare di “andicappati”. Ci si accorse però che nell’uso comune il termine veniva usato per ingiuriare chi fosse poco portato in qualche attività e si passò quindi a “portatore di handicap”; questo suonava involontariamente comico per l’accostamento di individui spesso in grado di portare proprio nulla all’immagine degli sherpa sull’Himalaya. Fu così che nel linguaggio comparvero i “disabili”, naturalmente continuando gli interessati a vivere tra difficoltà di tutti i generi. E ci si poteva fermare qui, aiutandoli intanto sulla sostanza più che sulla forma: non si è mai sentito alcuno offendere il prossimo dicendogli «sei proprio un disabile». Nemmeno per idea: i disabili si trasformarono presto (significando il prefisso “dis” la negazione di qualcosa: orrore!) in “diversamente abili”. Ultimamente è stata toccata la vetta dell’ipocrisia e della demenza quando è capitato di sentir dire in radio “differentemente abili”, forse perché evocare qualche diversità risultava vagamente discriminante all’orecchio benpensante dei sinceri democratici. Il dubbio, a questo punto legittimo, è che chiunque si sposti su una sedia a rotelle (pardon, carrozzina o “deambulatore”) o non possa vedere la vita intorno a sé, preferirebbe essere aiutato nei fatti e non con queste acrobazie linguistiche utili soltanto a indorare l’amara pillola di un’esistenza trascorsa a combattere da una parte con un corpo o una mente che fanno quel che par loro e dall’altra con mezzi pubblici inaccessibili o con l’inciviltà cavernicola di chi si sente fieramente progressista dicendo “differentemente abili” e poi piazza la macchina davanti lo scivolo per farli scendere dal marciapiede.
 
 
 
{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Back to top button