Tematiche etico-sociali

LA RUBRICA DI LUCILLA DI GENNAIO

   lucilla_petrelli    MODA E ….NON SOLO
 
                                                        
 
 
 

ANTICIPAZIONI ‘2010. Jeans: fra i grandi ritorni il jeans strappato.
E poi anche la camicia in denim. Tendenza già uscita dalle collezioni di New York e confermata dalle passerelle milanesi. Lingerie: si è intravista ovunque da sotto gli abiti, dai body “correttivi” come quelli di Dolce e Gabbana, o semplicemente reggiseno e culotte. Corto: lunghezze quasi sempre mini. Per ogni foggia e tessuto. Gonna ma anche
abiti corti e tubini infiniti.

CAPPELLOMANIA.
Senz’altro il cappello è un accessorio della stagione
invernale.
E con l’arrivo del freddo si scatena la fantasia, tanto
da farlo diventare un oggetto prediletto da collezione.
Chi ricorda
cosa diceva il Cappellaio Matto ad Alice nel Paese delle Meraviglie? –
“Un cappello non è un cappello. O, almeno non è solo un cappello”. Insomma il cappello è un accessorio difficile da portare con eleganza, anche se gli esperti dicono che c’è almeno un modello che si adatta ad ogni donna. La cantante Madonna li collezione in modo maniacale, portandoli in modo sportivo con una impronta easy-chic. Altrettanto
fanno Dita von Teese, la regina del burlesque che ne ha un armadio pieno. E così l’eccentrica Anna Piaggi, giornalista e scrittrice di moda, che si fa notare appunto per i suoi cappelli a dir poco originali. Infine la reale Camilla Parker, maritata al Principe Carlo che adeguandosi allo stile di corte, riesce a non passare inosservata. Potenza dei cappelli!

MODA=PACE.
L’ Afganistan non è solo guerra e Mujaheddin, così la
stilista Zolaykha Sherzad afgana di nascita parla del suo Paese. Stilista e disegnatrice di una sua linea di moda, “Zarif Design”, riesce con i suoi abiti, con le stoffe preziose a creare un legame tra il suo paese e l’occidente. Le sue collezioni sono state presentate a New York: pezzi
unici realizzati con seta pesante dei cappotti afghani che hanno incontrato l’entusiasmo dei compratori. La sua moda volerà prossimamente a Parigi, passerella dell’alta moda per far conoscere anche in Europa una coraggiosa stilista di Kabul.

NAPOLEONE ED HERMES.
La Maison Hermès fino al 7 marzo
2010 è in scena al Palazzo Ducale di Lucca con una mostra “Mito e bellezza”. Moda e storia, un connubio possibile, visto l’interesse della Casa francese verso l’imperatore Napoleone Bonaparte, tanto da dedicargli questa importante rassegna. Le mode non cambiano, specialmente
quando lo stile è così imponente tanto da superare il tempo. Una storia che sembra già scritta e che unisce Napoleone a una delle case di moda più prestigiose nel mondo. L’esposizione coinvolge gli apparati militari di primo e secondo Impero, alla Marina con corrispondenze alla vita civile, tra personaggi e società.
 
 
 
 
{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Back to top button