Tematiche etico-sociali

Con l’Italia in crisi per il Coronavirus, la francese Carla Bruni-Sarkozy sfotte, poi sommersa da contestazioni, è costretta a rimangiarsi il rospo. Ben felici non averla connazionale!

Roma, 18 marzo 2020 – Carla Bruni-Sarkozy, è la moglie dell’ex premier francese Nicolas Sarkozy, si quello che è sotto processo per accertare se ha commesso reati in relazione a illeciti finanziamenti che sarebbero stati percepiti dal libico Gheddafi, il colonnello Muammar Gheddafi a cui il 19 marzo 2011 con l’operazione “Odissey Dawn” venne dichiarata guerra, dalla coalizione composta dagli USA, Spagna, Gran Bretagna, Canada e coinvolta l’Italia, fortemente voluta e guidata dalla Francia. Gheddafi venne ucciso… Alcuni maligni, avanzarono l’ipotesi per impedirgli di testimoniare. L’ex presidente Nicolas Sarkozy marito della francese Carla Bruni-Sarkozy, nel giugno 2019 è stato rinviato a giudizio nell’indagine sui sospetti di corruzione di un alto magistrato della Corte di Cassazione, nel caso delle intercettazioni telefoniche.
Si, la francese Carla Bruni-Sarkozy, da moglie del presidente francese, si sarebbe impegnata per impedire l’estradizione dalla Francia all’Italia della brigatista Marina Petrella, già condannata in Italia all’ergastolo per l’omicidio di un agente di polizia, tentato sequestro e tentato omicidio, sequestro di un magistrato, rapina a mano armata e vari attentati, che si era “ammalata” ottenendo così 12 anni fa la scarcerazione mentre il marito della francese Carla Bruni-Sarkozy, presidente Nicolas, rifiuto all’Italia l’estradizione per motivi umanitari e di salute. Fortunatamente, la terrorista si è rimessa in salute e gode della protezione francese, come tanti altri terroristi italiani rifugiati, stranamente, in Francia..
Si la francese  Carla Bruni-Sarkozy, nata in Italia, è diventata cittadina francese, dichiarando essere felice di “non essere più italiana”.
Ora, mentre l’Italia sta combattendo con il coronavirus, la francese Carla Bruni-Sarkozy, nel corso della settimana della moda di Parigi, ha finto una crisi respiratoria quasi a voler prendere in giro chi della pandemia è terrorizzato perché la sta vivendo sulla propria pelle, per poi baciare il presidente di Lvmh Fashion Group, Sidney Toledano, affermando «Ma certo, baciamoci, non facciamo gli stupidi! Noi siamo della vecchia generazione! Non abbiamo paura di nulla, non siamo femministi e non abbiamo paura del Coronavirus. Nada!».
La scena, ripresa e finita sul web, è stata oggetto di violenti attacchi che hanno costretto la francese Carla Bruni-Sarkozy, a rimangiarsi tutto, riconoscendo che il suo comportamento era « stato uno scherzo stupidissimo e imbecille, di cattivo gusto e sono stata filmata senza rendermene conto. Vorrei presentare tutte le mie scuse a tutti quelli che sono stati feriti da queste immagini». Quindi, se non fosse stata filmata, la presa in giro agli italiani era legittima…
Ovviamente, la francese Carla Bruni-Sarkozy, ha dovuto ingoiare il rospo per la meschina figura fatta e scusarsi….
Ah, il virus Covid-19, ha colpito anche la Francia. Chi sa, molte volte le finzioni sceniche si possono avverare…
Bene. Nel 2008, il senatore a vita Francesco Cossiga, le disse : “Siamo ben lieti che Carla Bruni non sia più italiana”.
Nel nostro articolo del 12 marzo 2010, dal titolo “La cittadina francese Carla Bruni“, concludemmo dicendo ” Eh si, perché altrimenti, saremmo noi a dover dire che ci vergogneremmo di averla come concittadina italiana!”
Nel 2012, ripetemmo “ne siamo sempre più convinti ed orgogliosi!”
Oggi, lo affermiamo ancora una volta: cittadina francese Carla Bruni-Sarkozy, siamo ben felici e orgogliosi di non annoverarla fra la vera popolazione Italiana non ritenendola – MA NOI – degna di esserlo.

Tags
Back to top button
Close