Scienza

Notte dei ricercatori. Notte di stelle, notte di scienza con il Cnr

Roma, 25 settembre 2019 – Torna la “Notte dei ricercatori”, manifestazione indetta dall’Unione Europea il 27 settembre per promuovere i temi della ricerca scientifica e dell’innovazione.
Il Consiglio nazionale delle ricerche partecipa all’appuntamento con numerosi eventi a Trento, Milano, Agrate Brianza (MB), Monza, Pavia, Padova, Bologna, Modena, Parma, Firenze, Pisa, Viterbo, Roma, L’Aquila, Napoli, Bari, Lecce, Taranto, Matera, Rende (Cs), Palermo, Catania, Cagliari.
Un appuntamento fisso anche per il Consiglio nazionale delle ricerche, la “Notte dei ricercatori”, evento indetto dalla Unione Europea per sensibilizzare l’opinione pubblica e soprattutto le nuove generazioni sul ruolo della scienza per lo sviluppo della società. La manifestazione si terrà il 27 settembre in molte sedi del Cnr, che partecipa a sei dei nove progetti finanziati dalla Ue per la Notte (Meet, Bright, Society, Sharper, Ern Apulia e SuperScienceMe) ma è attivo con la sua rete scientifica anche in molte iniziative associate alla manifestazione. Iniziative il decine di città italiane dove sono presenti Istituti del Cnr; qui di seguito riportiamo gli appuntamenti di Bologna e Roma.

A Bologna (Via Zamboni e piazze limitrofe dalle 18 alle 24) l’offerta è davvero ampia. Appuntamento al buio con le piante per scoprirne la vita segreta, come i vegetali comunicano e si riproducono, a cura dell’Istituto per la bioeconomia; dalla meteorologia al clima, che fenomeni! è organizzato dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima per giocare con la radiazione (solare e non) e con le diverse forme dell’acqua in atmosfera; l’Istituto di scienze marine intratterrà i cittadini con Gli elementi del pianeta Terra raccontano il mare di ieri e di oggi e con ‘C’è muro e muro’, per imparare a distinguere le rocce dell’Appennino da quelle esotiche. Ci si incontra anche per parlare di Eredità genetica con l’Istituto di genetica molecolare che spiega le informazioni contenute nel DNA. L’Istituto di sintesi organica e fotoreattività cura invece gli incontri su: Le mille proprietà delle membrane polimeriche e sulle Capsule molecolari, spiegando come utilizzarle per il rilascio controllato di farmaci; Luce e nanotecnologia: due nuovi alleati per ideare terapie all’avanguardia, Innovazioni tecnologiche della seta . Come funziona un motore elettrico lo si apprenderà con ‘SiCcome guidi. Elettronica per le auto elettriche’ a cura dell’Istituto di microelettronica e microsistemi. Sempre in Via Zamboni dalle 18 alle 24 visite guidate sul degrado dei materiali edilizi del centro storico, in compagnia degli esperti dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima. Infine, un evento satellite (presso la Scuola Media ‘Testoni-Fioravanti’, Via Di Vincenzo 55, dalle 17 alle 21) con dimostrazioni ed esperimenti su materie prime, economia circolare e bioeconomia, magnetismo, proposti dai giovani al pubblico di tutte le età .

A Roma due Aree del Cnr partecipano a questa iniziativa (http://www.laricercaviendinotte.it/), in collaborazione con ScienzaInsieme (https://www.scienzainsieme.it/) .

L’Area della ricerca di Roma 2-Tor Vergata (via del Fosso del Cavaliere 100), dalle 16 alle 23, prevede visite guidate presso i laboratori, esperimenti live, giochi di ruolo, realtà virtuale e molto altro nel Padiglione della Scienza. Non mancano attività dedicate ai più piccoli, come La danza del DNA, dove i bambini potranno interpretare i diversi cromosomi e Scienza e giochi da tavolo, dove invece si trasformeranno in eroi pronti a debellare epidemie e progettare l’uso di energia sostenibile. Tra gli altri eventi, Energie dal mare e… molto altro!, un collegamento con le Isole Svalbard e i Fanta Scienziati, cose che voi umani non avete mai visto! per condividere esperimenti, scoperte e tecnologie ai limiti del possibile, come il concerto basato sulle tecnologie della luce.
L’Area della ricerca di Roma 1-Montelibretti (Via Salaria Km 29,300) per la sua prima edizione della Notte propone oltre 50 iniziative tra le 17 e le 22. Si partirà con una gara podistica non competitiva di 6 Km tra gli Istituti con quiz finale a premi. Alle 17 si costruiranno diamanti nel DiaTHEMA Lab, mentre alle 19.30 si indagherà sulle tracce dei terremoti passati con Scoprire l’invisibile nei laboratori dell’Istituto di geologia ambientale e geoingegneria. E poi Una notte da archeologo: alla ricerca della villa perduta con i ricercatori dell’Istituto di studi sul Mediterraneo antico del Cnr Alle 20.30 Antonello Pasini dell’Istituto sull’inquinamento atmosferico ci domanderà ‘Chi ha acceso il riscaldamento?’; alle 21 collegamento satellitare audio/video con l’Antartide con il responsabile della base Concordia Massimiliano Catricalà. Nel laboratorio dell’Istituto di ricerca sulle acque, con Storia di due gocce d’acqua, i ricercatori mostreranno cosa le distingue attraverso la caratterizzazione chimica e microbiologica, un percorso dalla pioggia, al rubinetto, fino alla depurazione (visite 17, 18.30, 20, Mosca Angelucci. Sempre a cura del Cnr-Irsa lo stand Da rifiuto a risorsa dedicato al riciclo di scarti alimentari (dalle 17 alle 21; Agata Gallipoli. In programma anche i seminari Dov’è la mia acqua? (alle 18, Emanuele Romano; Biologia molecolare al servizio del risanamento ambientale (alle 19, Bruna Matturro, Quanta falsa scienza negli spot pubblicitari? (alle 20, Pietro Calandra, Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati).

Tags
Close