Cultura

Strumento de libbertà

Strumento de libbertà

Stevemo su ‘n paesello de montagna,
‘n mezzo li lupi e ‘n mezzo a tanta neve
Tutto er contrario, artro che cuccagna:
‘un c’era da magna’ e acqua da béve’.

Migrato ar Norde me cambiò la vita;
scopretti er lusso grande de pianura,
er cesso ‘n casa e manco ‘na salita
pe’ rimedia’ ‘na testa de verdura.

Massimamente poi c’era ‘na cosa
(se fa pe’ dire, non ‘na cosa sola):
mi padre se metteva proprio ‘n posa:
“”Ragazzo mio, pe’ te, qua c’è la scola””.

Era fissato babbo, pe’ ‘sto fatto;
era ‘na spina e nun me dava fiato:
“”Solo co’ libbri poi trova’ er riscatto;
pe’ nun campa’ da servo, da sfruttato.

Co’ libbri poi anna’ ar centro d’ogni tema;
poi cammina’ su strade viste mai,
poi avecce soluzzione a ogni probblema;
poi fa’ l’azzardi passanno meno guai.

Me devi da capi’, fiijetto mio,
a scola nun se va pe’ l’imparare;
le cose ar monno ch’ho imparato io
cambieno er tempo solo pe’ le fare.

A scola ce se va per n’antro scopo;
se va pe’ impegnasse ogni momento
pe’ ‘r tempo ch’ha da veni’ dopo:
se va per preparare lo strumento.

Quest’è lo scopo, inzomma e a te te tocca
piega’ la schiena pe’ mettete a studiare.
Quest’è er segreto che m’esce de la bocca:
se studia pe’ imparare ad imparare.””

©FrancescoD’Agostino©DirittiRiservati© 

Guarda anche
Close
Back to top button