Cultura

Onne der mare!

Sonetto Romano

Onne der mare!

Sonetto Romano

Se core sempre e nun s’ ariva mai,
ma poi che ce sara’, dopo er traguardo?
Se ‘n tossicamo tra sto vieni e vai
penzanno sempre d’ ariva’ ‘n ritardo.

Giramo su ‘n Pianeta in movimento
dove nun c’è’ più’ posto pe l’amore,
pe ‘n emozzione, ‘n gesto, ‘n sentimento
che te fa’ accorge, quanno nasce ‘n fiore.

Se core sempre da matina a sera
da nun accorgese de le staggioni,
de li colori de la primavera,
der sole che ce scalla e l’acquazzoni.

Ma poi perche’ se va, così’ de fretta
se annassimo più piano, che succede ?
Se tanto poi la Vita, ce va stretta !

E mo che c’è schioppato st’arveare
de guere e morbi, lo dovremmo vede,
che semo solo onne, ‘n mezzo ar mare !

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

 

Guarda anche
Close
Back to top button