Cultura

L’Inceneritore Supremo

Sonetto romano

L’Inceneritore Supremo
Sonetto romano

Le madri de li rifiuti
so’a Roma sempre incinte!
Nonostante i contribbuti
e più strateggie distinte,
ai probblemi de monnezza
nun se mette mai ‘na pezza!

A dispetto der decoro,
ormai hanno vinto loro!…
Je va bene a li cinghiali,
a li sorci e a li pennuti,
nonché all’antri animali,
ormai tutti benvenuti!…

Er perché de ‘sta condanna,
nun se sa…ma chi la manna?

È ormai ‘no spauracchio!
…Se li sforzi sovrumani
già profusi dagli umani
nun ce so’serviti a’n cacchio,

pe’fa si’ che ciò finisca
nun ce resta che’r Signore,
da pregare con ardore!
…E che Dio li incenerisca!

©Pasquinaldo ©DirittiRiservati©

Back to top button