Cultura

L’anno che se ne va

L’anno che se ne va

Come tutti l’anni, pure questo,
fatta la valiggetta se n’è annato
tu l’hai pagato e manco te dà er resto,
dice ch’è pagamento anticipato.

“”Se rivedemo, giusto da domani,
li conti li chiudiamo poi alla fine””,
dice co’ quelli sguardi mezzi strani
di chi c’ha in mente cose malandrine.

“”Volemo fa’ n’accordo?”” io je risponno;
“”provamo a organizza’ n’anno decente?
Che si te vie’ da rivortare er monno
A te te frega poco o quasi gnente””.

L’anno me guarda un po’ co’ compassione;
me dà de gomito e strizza l’occhiolino,
“”Te vojo fa’ ‘n regalo e ‘na lezzione,
mettemose a sede’ a ‘sto tavolino””.

Pija ‘n mazzo de carte e me lo passa;
poi fa la faccia seria e penzierosa,
dice: “”sto mazzo è tutto quello che te lassa
l’anno che se ne va; questa è la cosa.

Hai da capì, pe’ regolarte er core,
che in ogni carta c’è n’avvenimento,
‘na vincita, ‘na perdita, ‘n dolore,
successo grande o pure fallimento.

Tu passi l’anno a spizzica’ le carte
senza capire come va er destino;
te do ‘n segreto, ma lo dico a parte,
così te spiano un poco der cammino.

“”Devi capì, ”” me dice cor soriso,
“”che su la terra, co’ tutta ‘s’abbondanza,
la strada che te porta in paradiso
nun la devi paga’: è la speranza””.

©Francesco_D’Agostino©dirittiriservati©

Guarda anche
Close
Back to top button