Cultura

La bolletta!

Sonetto romano

La bolletta!
Sonetto romano

Na botta forte ar core, na saetta,
solo a vedella m’è preso ‘n malore,
sporgeva mezza fori la cassetta
me sò sentito ar petto ‘n gran dolore.

Inzomma, m’è arivata la bolletta
de tutte l’artre quella più peggiore,
che pure ar culo m’è presa na stretta
e pe le mani e piedi ‘n gran tremore.

Me sò fatto coraggio a pìalla ‘n mano
doppo ‘n respiro, trattenenno er fiato,
ho cominciato a aprilla, piano, piano….

Su la colonna a destra, bontà loro,
da quello ch’è l’importo carcolato,
er gasse ar grammo costa come l’oro!

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

 

 

Guarda anche
Close
Back to top button