Cultura

Iliade (2)

Iliade (2)

Ilio, pe’ dire Troia, era ‘n gioiello
Sdraiata d’Anatolia sulla riva;
ricca e fiorente capital del bello
da dove ogni commercio si partiva.

All’antri Greci poco je piaceva
Tutta quella ricchezza e lo splendore
Ch’illuminava chiunque la vedeva.
Ce voleva ‘n scusa e fu l’amore.

Priamo Re c’aveva tanti fij,
Paride, l’urtimo, se sa era ribbelle;
mai che stesse a sentire li consij,
e tanto je piaceveno ‘e gonnelle.

Andiede a Sparta come ambasciatore;
ho detto Sparta non Roccacannuccia;
de corpo, co’ ‘n’ occhiata perde er core
pe’ la moije der Re che fa boccuccia.

Lesto e furtivo quanno, se riparte,
l’abbranca come un cesto co’ li fichi
la butta a bordo come dice l’arte
come che, inzomma, facevano l’antichi.

Pure er marito era assai incazzoso
A Menelao, se sa, la mosca ar naso
Je dava quer prurito che lo sposo
Sente alla fronte, come in questo caso.

Come la metti, fu quella l’occasione
Pe’ daje ‘na lezzione all’impuniti
Pe’ questo s’organizza la missione:
un modo de grattasse li pruriti.

Agamennon sovrano dell’Achei,
ch’a Menelao pe’ giuta era fratello,
je pijano, pe’ dire, i “trentasei”
e dice: “Risorvemo de cortello”.

Scoppia furiosa ‘na guerra che se sa,
un ce se crede, ma così l’è annata,
pe’ fa’ partire ‘sta nostra Civirtà
trovamo pe’ radice ‘na trombata.

©FrancescoD’Agostino©DirittiRiservati© 

 

Back to top button