Cultura

Forattini fa 90!

Compleanno tondo per Giorgio Forattini, il maestro delle vignette.

Roma, 15 marzo 2021 – Giorgio Forattini mi è sempre piaciuto. Perché chi fa satira mi piace “a prescindere”, avrebbe detto il grande Totò.

Mi è piaciuto perché ha saputo ridere e far ridere di tutti. Dei politici destra, di sinistra, di centro e anche di chi, in quel momento lo stava pagando.

Poi qualcuno se l’è presa, qualcun altro (più intelligente) no. Come ad esempio Andreotti, che a domanda rispondeva: “E che devo dire di Forattini? Mi ha inventato lui!”.

E adesso che ha appena compiuto novant’anni (il 14 marzo) gli faccio gli auguri con colpevole ritardo e gli dico che con le sue celebri vignette mi ha reso più divertente la vita.

Perché “una risata vi seppellirà” diceva qualcuno ben più importate di me.

E visti i tempi cupi che stiamo vivendo penso che quel qualcuno aveva proprio ragione.

Meglio prenderla a ridere, che prendercela in un altro posto.

E poi la sua vita è un grande insegnamento per i giovani che si avvicinano al suo mestiere. Perché è diventato Forattini solo a 40 anni e prima ha fatto di tutto per vivere.

Operaio in una raffineria del nord Italia, rappresentante di prodotti petroliferi a Napoli, venditore e direttore commerciale di una casa discografica, rappresentante di elettrodomestici.

Anche così si diventa uno che con le sue vignette ha riempito 57 libri che hanno venduto più di tre milioni di copie.

“La paura fa 90” recita una popolare proverbio legato alla smorfia.

Anche Forattini oggi “fa 90” e con le sue vignette, ai potenti, ha fatto spesso paura.

Perché colpiscono sempre più l’ironia e la satira che la polemica o la spada.

Ecco perché ai potenti e ai permalosi danno spesso fastidio.

Back to top button