Cultura

Er Givventi

Sonetto romano

Roma è Roma e questa è cosa certa
così che più de venti capoccioni,
che so venuti qui pe le riunioni
ce so rimasti tutti a bocca aperta.

E ognuno ha commentato : – Me Cojoni -!
Davanti a sta città, che je s’è aperta,
magrado che lo stato era d’allerta
co tanti polizziotti e pizzardoni.

Ce so venuti apposta per Givventi,
pe affronta’ li probblemi de la Tera
tra gran strette de mano e comprimenti.

Beato chi ce crede e chi ce spera,
ma armeno er rimira’ sti monumenti,
speramo che addorcisca l’atmosfera.

 

Back to top button