Cultura

La via di fuga

La via di fuga

Spasmi al cuore ai confini del mondo
a testa in giù appeso per i piedi tra le nuvole e l’inferno,
oltre il muro del suono scappo da me, precipito 
e al mio essere risponde come un tuono la mia anima

Cavalco un fiume di lacrime imbizzarrito
tanto è forte la corrente 
che mi trascina a fondo
perdo l’orientamento 

Sbattuto sulle rocce
il sangue delle mie membra lacerate 
colora di porpora l’acqua 
e i polmoni collassano cercando un filo di vita. 

Ma non chiudo gli occhi, non ho paura, 
la via di fuga è a portata di mano 
e il mio piede trova un appiglio

Tags

Guarda anche

Close
Close