Roma

Maliano minaccia con accetta Agenti della Polizia Locale. Arrestato

Ancora episodi di violenza contro le Forze dell’Ordine.

Roma, 12 ottobre 2019 – Ieri pomeriggio, avevano notato del fuoco provenire da sotto il cavalcavia davanti al cimitero del Verano, sulla via Tiburtina, la pattuglia della Polizia Locale di Roma Capitale per cui si recavano sul posto per accertare quanto stava avvenendo.
I tre Agenti del Pics (Pronto Intervento Centro Storico) trovavano un giovane straniero che bivaccava sotto il cavalcavia al quale, spiegando la situazione di pericolo, gli intimavano di spegnerlo ed esibire un documento di identità.
L’uomo, ben conscio di essere in Italia, si rifiutava di esibire documenti di identità ma minacciava gli operanti con un’accetta.
Gli operanti, facendo ben attenzione a non procurargli traumi psicologici oltre che materiali (il reato di tortura è sempre in agguato!), riuscivano a disarmarlo, sequestrando oltre alla scure, anche altro materiale di cui saranno svolti accertamenti per accertarne la provenienza.
L’uomo è stato trasferito presso il Comando del Corpo della Polizia Locale Roma Capitale, dove veniva identificato per C.A.B. cittadino del Mali di 27 anni. Lo stesso veniva arrestato per rispondere dei reati di “minacce aggravate, resistenza, rifiuto di generalità e porto d’ armi abusivo”, arresto convalidato nell’udienza di stamattina.

Tags
Close