Roma

Con messaggi pubblicitari e offerte speciali, aggiornavano i tossicodipendenti. 18 gli arrestati. Decine di perquisizione

cc retata notte 1Roma, 24 ottobre 2017 – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Frascati stando dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare e perquisizioni domiciliari,  emessa dal GIP del Tribunale di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 18 persone, appartenenti a un’organizzazione criminale dedita al narcotraffico, radicata a Roma, con base operativa e logistica in località Borghesiana, un territorio “cuscinetto” tra le storiche borgate di Tor Bella Monaca e Tor Vergata.

A capo della banda, due fratelli di origine partenopea.  L’organizzazione era gerarchizzata e con “turni di lavoro”, impiegando nello spaccio, pusher e giovani vedette.

Le indagini dei Carabinieri hanno messo a fuoco le varie responsabilità, accertando e documentandone l’attività. I pusher erano persino dotati di telefoni cellulari dedicati, con i quali inviavano ai vari clienti messaggi pubblicitari firmati “gli amici di Finocchio”, aggiornandoli sulla disponibilità di stupefacente, cocaina, o su offerte “promozionali” per nuovi prodotti.

Al fine di  rendere più difficoltosa l’attività investigativa e repressiva delle Forze dell’Ordine, lo smercio era organizzato in modo tale da risultare “itinerante” e l’organizzazione prevedeva anche l’assistenza legale dei propri sodali in caso di arresto durante l’attività di spaccio. Per “invogliare alla produzione”, i  guadagni per gli spacciatori erano  direttamente proporzionali alle vendite e al ruolo rivestivo in seno all’organizzazione.

A fine giornata, il ricavato dell’attività di spaccio veniva poi consegnato ai due promotori che, in caso di rendicontazione errata, infliggevano vere e proprie punizioni corporali.  

Back to top button