Cronaca

Non versavano ai Comuni i tributi riscossi. Sequestrati quasi due milioni di euro

gdf autor spalleFrosinone, 14 aprile 2017 – Particolare attenzione viene svolta dalla Guardia di Finanza nel settore dei reati contro la Pubblica Amministrazione e così, con l’operazione denominata in codice “Caccia al tesoro”,  i militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Frosinone  coordinati dal Procuratore della Repubblica di Cassino, Dott. Luciano d’Emmanuele e dal suo Sostituto Procuratore Dott.ssa Marina Marra, hanno svolto riservate ed approfondite indagini  nei confronti di una società campana, affidataria della gestione dei servizi di tesoreria, riscossione, liquidazione e accertamento dei tributi locali presso alcuni Comuni del basso Lazio.

Le risultanze investigative hanno portato alla luce    che la società in argomento ha attuato gravi e svariate irregolarità, sia dal punto di vista contrattuale, che con riferimento alla normativa di settore, non riversando le somme riscosse nelle casse dei Comuni interessati.

I Finanzieri hanno quindi denunciato  alla Procura della Repubblica di Cassino dodici soggetti per l’ipotesi di reato di peculato.

Nei confronti di quattro di essi, le Fiamme Gialle di Frosinone hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo finalizzato alla confisca obbligatoria delle somme di denaro sottratte alle Casse Comunali, costituenti il profitto del reato, individuato in circa 1.750.000,00 euro.

 

Back to top button