Cronaca

Flash – Messina – Operazione “BETA”: 30 arresti mafiosi di “cosa nostra” – VIDEO

cc ros messina elicottero

Messina, 6 luglio 2017 – Mentre è in corso a Catania l’operazione dei Carabinieri “”Carthago 2” con 26 arresti e 100 perquisizioni, in contemporanea i Carabinieri del  Ros e del Comando Provinciale di Messina con il supporto dei Comandi Provinciali  territorialmente competenti, dello Squadrone Eliportato Carabinieri Cacciatori di Sicilia e del Nucleo Cinofili, nelle provincie di Messina, Catania, Siracusa, Milano e Torino con l’operazione “Beta”, stanno dando esecuzione ad un provvedimento cautelare, emesso dalla locale Procura Distrettuale, nei confronti di 30 indagati a vario titolo per “associazione mafiosa, estorsione, trasferimento fraudolento di valori, turbata libertà degli incanti, esercizio abusivo dell’attività di giochi e scommesse, riciclaggio e reati in materia di armi”.
I Carabinieri del Ros, diretti dalla Procura Peloritana, hanno accertato,  per la prima volta, la presenza e operatività di  una cellula di “Cosa Nostra” catanese, facente parte della famiglia mafiosa dei Santapaola.
{youtube}DIJC30XzRmM{/youtube}
I Militari dell’Arma hanno documentato  le collusioni con funzionari dell’amministrazione comunale messinese mirate al settore immobiliare e degli appalti pubblici, per l’acquisizione di immobili da adibire successivamente ad alloggi popolari ma anche illeciti interessi nel settore delle scommesse calcistiche, dei giochi on line e delle corse clandestine dei cavalli.
Emerge poi, l’apparente distanza dalle bande armate e collocata all’interno dell’economia reale e delle relazioni socioeconomiche, con agganci in ogni settore della società che conta. Si tratta di una entità capace di teorizzare – come emerge nelle intercettazioni – l’abbandono delle forme criminali violente e del rituale mafioso per gestire società di servizi, controllare in modo diretto appalti su scala nazionale (emergono interessi sulla autostrada SA-RC ed Expo), gestire il gioco illegale e le scommesse della massima serie calcistica, operare attraverso la corruzione e il clientelismo il controllo sull’attività di enti pubblici, attivare informatori e complici presso uffici pubblici (anche presso organi di polizia e uffici della procura). Una struttura criminale che ha sostituito i manager ai padrini e che opera per il profitto col “concorso esterno” delle squadre che sparano: così rovesciando il tradizionale rapporto dei ruoli tra società bene e società violenta rispetto al conseguimento degli scopi associativi mafiosi.
Essa dunque, come emerge dalle investigazioni, risulta essere sovraordinata alle bande armate presenti a Messina, i cui esponenti, ogni qualvolta si imbattono negli interessi della predetta associazione si arrestano, obbedendo. Risulta inoltre singolare la sostituzione del pizzo con altre forme di intervento economico, grazie anche a società che forniscono servizi alle imprese (come le cooperative nel settore dalle forniture alimentari) ovvero gestiscono in subappalto la fornitura di prodotti parasanitari per conto delle ASL.
Back to top button