Rugby

Rugby Six Nations 2022, Francia-Italia 37-10

Il grande impegno azzurro contiene la sconfitta (foto www.attualita.it)

Roma, 6 Febbraio 2022 – Il Sei Nazioni 2022 si apre per l’Italia a Parigi con la sfida cisa-transalpina, il Trofeo Garibaldi.

La Francia si presenta con manifeste ambizioni su questo Torneo e sul mondiale che ospiteranno nel 2023.

Il CT Kieran Crowley porta in panchina azzurra due esordienti, Zuliani e Marin, che subentreranno nella ripresa.

I francesi sono guidati da Raphael Ibañez, causa isolamento sanitario del CT Galthiè.

Sblocca il punteggio dopo 5’ su calcio di punizione l’estremo francese Jaminet.

Poi al 16’azzurri avanti con la meta di Menoncello (record di più giovane marcatore del 6 Nazioni), trasformata da Garbisi.

La giovane Italia paga però al 25’ l’errore di Varney, il cui passaggio moscetto all’indietro consente l’intercetto “sottocorrente” a Jelonch, che atterra in meta (non trasformata da Jaminet).

Al 29’ su calcio di punizione Garbisi riporta per poco avanti gli azzurri, sino al nuovo sorpasso francese al 34’, con piazzato di Jaminet.

A tempo quasi scaduto, i francesi cercano la touche e trovano la meta con l’abile Vilière.

Si va al riposo sul parziale di 18-10.

Ad apertura di ripresa ci salviamo con difesa strenua, quando al 42’ Marchand arriva a un filo d’erba dalla meta; il TMO giustamente la ritiene non concretizzata e viziata da irregolarità.

Ma la pressione francese è asfissiante sia in attacco, sia in difesa, erodendo terreno all’Italia in ogni tentativo di avanzamento.

Al 48’ Vilière con gran gioco di gambe vola in meta; Jaminet, oggi impreciso, manca ancora i pali.

L’Italia resiste, ma al 67’ arriva la quarta meta, e il punto di bonus, dei Bleuscon Penaud (trasformazione di Jaminet).

È infine Vilière a chiudere la partita, come avvenuto nel primo tempo. A cronometro rosso, infila la quinta marcatura (terza personale), guadagnandosi il proscenio da men of the match.

Rugby-Tabellone Fr-Ita 06.02.22 (foto www.attualita.it)
Rugby-Tabellone Fr-Ita 06.02.22 (foto www.attualita.it)

In sintesi, la superiorità francese in mischia, in touche e nella conquista della palla non è stata però una marea debordante.

L’Italia ha tenuto, e i punti in meno subiti rispetto al 2021 ne sono l’indicatore.

Da menzionare l’attento e preciso arbitraggio, che non ha avuto interpretazioni permissive.

Molte volte è successo infatti in passato che l’Italia patisse, oltre ai propri errori, anche il sorvolare del direttore di gara su scorrettezze della squadra dominante (che non eravamo mai noi).

Questo il lato positivo da tenere a mente (ormai siamo purtroppo abituati a farlo) in previsione del secondo turno.

Appuntamento a domenica 13 febbraio per Italia- Inghilterra (ore 16, Stadio Olimpico, Roma).

CLASSIFICA ALLA FINE DEL 1° ROUND: Francia, Irlanda 5; Scozia 4; Inghilterra 1; Galles, Italia 0.

TABELLINO: FRANCIA – ITALIA 37-10 (parziale 18-10)

MARCATORI: Primo tempo: 4’ cpJaminet (F); 16’ m Menoncello, tr Garbisi (I); 25’ m Jelonch (F); 29’ cp Garbisi (I); 34’ cp Jaminet (F); 40’ m Vilière, tr. Jaminet (F). Secondo tempo: 48’ m. Vilière; 67’ Penaud, tr. Jaminet (F), 82 Vilière, tr. Ntamack (F).

FORMAZIONI
FRANCIA: Jaminet, Penaud, Fickou, Danty, Vilière; Ntamack, Dupont (capitano); Alldritt, Cretin, Jelonch, Willemse, Woki; Atonio, Marchand, Baille. A disposizione: Mauvaka, Gros, Bamba, Taofifenua, Cros, Lucu, Moefana, Ramos. C.T.: Ibañez.

ITALIA: Padovani; Menoncello, Brex, Zanon, Ioane; Garbisi, Varney; Halafihi, Lamaro (capitano), Negri; Ruzza, Cannone; Pasquali, Lucchesi, Fischetti. A disposizione: Faiva, Nemer, Zilocchi, Fuser, Pettinelli, Zuliani, Braley, Marin.  C.T.: Kieran  Crowley

ARBITRO: Adamson (Scozia).

PLAYER OF THE MATCH: Vilière (Francia)

Back to top button