Ciclismo

Ciclismo: Giro d’Italia, si parte dalla Sicilia.

Scatta oggi la 103° edizione della corsa rosa.

Roma, 3 ottobre 2020. E’ un po’ inconsueto presentare per il ciclismo il Giro d’Italia ad ottobre, cinque mesi dopo il suo abituale svolgimento che di solito vede la partenza nel mese di maggio.

Ma tant’è quest’anno per i problemi legati al Covid il calendario è risultato stravolto e la kermesse rosa si ritrova in questa collocazione.

Con la speranza che il tempo atmosferico dia tregua visto l’approccio alla zona dolomitica dal 20 al 25 ottobre.

Il 103° Giro d’ Italia parte oggi dalla Sicilia per un percorso di 21 tappe, circa 3.500 km. di cui 65 divisi in tre cronometro, con approdo finale domenica 25 ottobre a Milano.

Tracciato duro, spettacolare, con ben sei arrivi in salita il primo dei quali già alla terza tappa quando i corridori scaleranno l’Etna fino ai 1.750 mt. di Lingualossa.

Si risale la penisola dalla Calabria, Basilicata, Puglia fino al secondo impegnativo arrivo a Roccaraso che precede il primo dei due giorni di riposo.

L’ultima settimana è un crescendo con tre arrivi in quota, con la cima Coppi ai 2.758 mt. dello Stelvio e tappone finale sabato 24 ottobre con arrivo al Sestriere dopo avere scalato il colle dell’Agnello, l’Izoard e il Monginevro.

Una curiosità rappresenta la 12° frazione di Cesenatico sui percorsi della Nove Colli, Gran Fondo amatoriale di grande tradizione come la Maratona delle Dolomiti.

Ma soprattutto sulle strade che hanno visto crescere il mito di Marco Pantani.

Per il pronostico ci giochiamo la carta Vincenzo Nibali, secondo al 102° Giro d’Italia, a una delle ultime chiamate vista l’età, che avrà il supporto di Ciccone.

Per la colonia straniera occhio a Thomas vincitore del Tour del 2018 e l’ex tre volte mondiale Peter Sagan che contenderà ad Elia Viviani il titolo di miglior sprinter.

Primo aggiornamento lunedì 12 ottobre.

 

Back to top button