Menu
Flash - Operazione "Anno Zero". 22 provvedimenti a carico del clan del latitante Matteo Messina Denaro

Flash - Operazione "Anno Zero…

Trapani, 19 aprile 2018 -...

Serie A, 33ma giornata 2018. Brividi in testa, fuochi d'artificio a Firenze. CLASSIFICA

Serie A, 33ma giornata 2018. Brivid…

Roma, 8 aprile 2018 - Paz...

Men in Pink Gala - VIDEO - GALLERIA FOTOGRAFICA

Men in Pink Gala - VIDEO - GALLERIA…

dalla nostra corrispond...

Serie A – 32ma giornata. Altra giornata pro-Juve - CLASSIFICA

Serie A – 32ma giornata. Altra gior…

I bianconeri volano a +6 ...

Accademia Filarmonica Romana - “Tierra y Alma” M.Ángel Berna e Manuela Adamo

Accademia Filarmonica Romana - “Tie…

Danza di passione e di me...

La Siria è vicina, ma sta lì.

La Siria è vicina, ma sta lì.

Roma, 14 aprile 2018 - Le...

Serie A, 32ma giornata 2018. Inter, avanti piano.

Serie A, 32ma giornata 2018. Inter,…

Roma, 14 aprile 2018 - An...

Rugby Eccellenza. Padova, Fiamme Oro e Calvisano-Rovigo sono le due semifinali scudetto 2018

Rugby Eccellenza. Padova, Fiamme Or…

Roma, 14 aprile 2018 - Ne...

I veti incrociati complicano la soluzione della crisi

I veti incrociati complicano la sol…

Roma, 13 aprile 2018 - Da...

Accademia Nazionale di Santa Cecilia - Alexander Sladkovsky dirige autori russi

Accademia Nazionale di Santa Cecili…

Paganini v/s Mefistofele ...

Prev Next

Dilettanti allo sbaraglio o mestieranti della politica?

Mattarella presidOsservando il variegato scenario politico emerso dal voto del 4 marzo scorso, un dubbio amletico di shakespeariana memoria, credo aleggi nel cervello della stragrande maggioranza degli Italiani: “gli eletti per governare il Paese nel prossimo quinquennio sono semplicemente dilettanti allo sbaraglio, oppure spregiudicati mestieranti della politica a caccia di poltrone e posti di potere ?”
È già trascorso oltre un mese da quando ci siamo recati alle urne, e nessun partito o raggruppamento pare abbia fin qui indicato come e con chi governare, dal momento che manca a tutti una maggioranza solida e stabile.
“Zio Giulio” (al secolo l’On. Giulio Andreotti, più volte Premier e ministro in quasi tutti i governi democristiani), diceva agli amici e collaboratori tra i più fidati che “a pensar male si fa peccato, ma molto spesso ci si azzecca”.
Non v’è dubbio alcuno che i leader più accreditati che durante l’intera campagna elettorale hanno sempre detto e ripetuto, che non stipuleranno mai accordi o alleanze con nessuno, dovranno “perdere la faccia”, perché nei sistemi democratici contano soltanto i numeri e non le pie intenzioni.
Il riferimento specifico riguarda i “Grillini”, mostratisi tra i più intransigenti, i quali sanno perfettamente (o dovrebbero sapere), che con il loro 32 % sono risultati, sì, il primo partito, ma da soli non potranno mai governare, per cui non ci sono alternative ai compromessi e ad altre forme di collaborazione.
Queste stesse valutazioni riguardano anche Salvini, ritenuto il 2° vincitore della competizione, il quale per ora rimane soltanto la quarta stampella del centro-destra, che con una qualsiasi altra legge elettorale decente, approvata in fretta e furia con ben oltre 8 voti di fiducia, sarebbe diventato il vero azionista di maggioranza nell’intero Parlamento.
Com’era facile prevedere, la prima tornata di consultazioni non ha portato a risultati concreti e con le immediate scadenza economiche che ci impone l’Europa, finiremo per fare una pessima figura in Italia e nel mondo
Mattarella ha, quindi, invitato ad una pausa di riflessione ed ha dato appuntamento per la prossima settimana invitando tutti ad un maggiore senso di responsabilità.
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...