Tematiche etico-sociali

“I had a dream…Storie di sogni diventati realtà” – Festival Letterature alla Basilica di Massenzio

Basilica di MessenzioRoma – Dall’11 giugno al 3 luglio la 12° edizione del Festival internazionale di Roma Letterature, si terrà presso la Basilica di Massenzio al Foro Romano.

Il titolo che fa da filo conduttore al Festival, “I had a dream…Storie di sogni diventati realtà”, raccoglie l’ispirazione del celebre discorso di Martin Luther King al Lincoln Memorial di Washington “I have a dream”, nell’anno del suo cinquantesimo anniversario. La relazione tra letteratura e vita, da sempre al centro del Festival, si propone in maniera differente, invitando il pubblico a una riflessione che trae spunti da esempi di vita concreti oltre che dall’ascolto di storie letterarie. A voler rimarcare la stretta relazione tra letteratura e vita, ogni serata sarà divisa in due parti. Si inizia con  un racconto di storie italiane di vita, “di sogni diventati realtà” come anticipato dal titolo del Festival. A seguire il racconto di un sogno di umanità e civiltà affidato agli scrittori, attraverso la lettura di testi inediti. Ad accompagnare la narrazione delle esperienze e la lettura dei testi, la musica eseguita dal vivo, oltre a immagini fotografiche e video. Per l’apertura del Festival, in programma  martedì 11 giugno il tema prescelto è “Lettere dalla terra”. Protagonisti il fotografo di origine siciliana Ferdinando Scianna, il cui ultimo lavoro accosta immagini e prosa dedicati alla sua terra e al cibo; Edward St Aubyn, autore della celebre saga I Melrose, anch’essa fortemente ancorata a un sentimento di appartenenza ai propri luoghi d’origine; Vinicio Capossela, che di recente si è dedicato alla ricerca sulla canzone popolare al tempo della crisi, partendo dall’esperienza greca. Nella serata dedicata alla terra, l’esperienza positiva da raccontare è quella del Fai – Fondo Ambiente Italiano. Si potrà ascoltare il racconto di come sia stato possibile recuperare il meraviglioso agrumeto della Valle dei Templi di Agrigento, il Giardino della Kolymbetra, che era stato abbandonato e di conseguenza ricoperto dai rovi. Per la prima serata del Festival le esecuzioni musicali live sono affidate agli  Evì  Evàn. Proseguendo in questo stretto connubio tra realtà concreta e narrazione, nelle serate successive temi al centro della serata saranno, tra gli altri, “Segnali dall’era digitale”, “Una questione d’ambiente”, “1 donna per amica” “A tavola con il nemico”, fino a chiudere con “In media res” protagonista Roberto Saviano, ospite della serata conclusiva. Gli altri autori presenti nelle varie serate: Jennifer Egan, Scott Hutchins, Emanuele Trevi, Edwidge Danticat, Serena Dandini, Concita De Gregorio, Taiye Selasi, Maram Al-Masri, Farian Sabahi, Simonetta Agnello Hornby, Clara Usón, Chiara Gamberale, Eraldo Affinati, Fulvio Ervas, Alicia Giménez Bartlett, Andrea Bajani, Ko Un, Marek Halter, Bunker Roy, Zadie Smith. Inoltre, nella serata del 13 giugno, saranno presenti i finalisti del Premio Strega. Tutte le serate avranno inizio alle 21 e saranno a ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Sarà necessario munirsi del biglietto omaggio, da ritirare al botteghino in via dei Fori Imperiali, aperto a partire dalle 19. Il Festival è realizzato dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale. Ideazione e direzione artistica di Maria Ida Gaeta. Regia di Fabrizio Arcuri. Organizzazione e produzione Zètema Progetto Cultura srl. Il Festival è organizzato con il sostegno di Ambasciata Americana, Ambasciata Spagnola, Istituto Cervantes e Fondazione Goffredo e Maria Bellonci.

 

Info: www.festivaldelleletterature.it www.casadelleletterature.it

060608 (tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 21.00)

Tags
Close