Tematiche etico-sociali

Le interviste di Alessandra. On. Umberto Del Basso De Caro, Sottosegretario del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

del basso de caro sottosegretarioRoma, 8 settembre – Resto piacevolmente stupìta della gentilezza e cordialità con cui mi riceve e si mette a disposizione dei lettori di “attualità.it”

Domanda: Onorevole, cosa più le piace del Suo prestigioso incarico?

Risposta: Innanzitutto, preciso di essere contento di essere in questo Ministero. Sono cinque Ministeri in uno. Certo, debbono essere accorpamenti utili e l’ attività deve essere omogenea. 

Domanda: Cosa sente di essere riuscito a fare?

Risposta: Venendo in questo Ministero sono riuscito a mettere in moto molte opere del Sud, mi riferisco alle strutture ferroviarie del Sud. Se il Sud é indietro al Nord é anche a causa della mancanza delle infrastrutture. Gli imprenditori vogliono investire in territori ben collegati, dagli aereoporti, alle strade, alle ferrovie. 

Domanda: Onorevole, ritiene ci sia ancora molto da fare?

Risposta: Si, c’ é da fare. Tra i pochi pregi che ho, posso dire di avere i piedi ben piantati a terra. Quindi, non nascondo che ancora non é fatto tutto ma lavoro molto, cercando di lasciare un segno. Far partire la Napoli/Bari in tempi brevi, è tra le cose da realizzare.  Il 22 Dicembre verrà inaugurata la Salerno/Reggio Calabria. 

Domanda: Cosa la rende felice? 

Risposta: La felicità, per me, é rappresentata da momenti di soddisfazione.  Quando realizzo quello che avevo in mente, avendo investito le mie energie, non parlo di politica, ma di qualsiasi ambito, la mia soddisfazione é un momento felice. Se la felicità può avere una definizione, ecco, i momenti in cui ho raggiunto gli obiettivi, possono essere definiti momenti felici. Poi, ovviamente, passo agli obiettivi successivi. 

Domanda: D’ accordo Onorevole ma, quale gioia sente di aver avuto con il Suo incarico? 

Risposta: Più che di gioia, parlerei di soddisfazione che mi ha dato il fatto che sia stato riconosciuto il sacrificio e il lavoro da me svolto. 

Domanda: Quale consiglio darebbe a degli aspiranti politici? 

Risposta: Consiglio di non considerare la politica come professione. Io sono Penalista, anche se ora non esercito per via del mio incarico attuale. Precisando che il Penalista difende le persone mentre, il Civilista, difende le cose. Ma la politica é altra cosa e non é un mestiere. 

Domanda: Quale politica ama?

Risposta: Non amo l’ urlo, la demagogia e il pensare di fare politica con la penna in una mano facendo i sondaggi, non è un modo di far politica che condivido.

Domanda: Quale é il Suo hobby?

Risposta: Seguo il calcio. Vado a Torino a vedere la partita che mi interessa. Ho poco tempo per il resto. Sono viaggiatore, ho girato molto.

Domanda: Beh, visto che ha girato molto, ci dica quale posto le piace più di tutti.

Risposta: L’ Italia! (Il Sottosegretario lo dice con un grande sorriso e gioia negli occhi).

Domanda: Visto che Lei mi sembra una persona molto equilibrata, ci dica il Suo segno zodiacale.

Risposta: Bilancia, ascendente Sagittario.

Back to top button