Spettacolo

LA NUOVA STAGIONE DEI TEATRI DI CINTURA DI ROMA

Grande spazio alle energie giovani e alla valorizzazione della drammaturgia contemporanea.
 

È questa la linea programmatica che contraddistingue la nuova stagione dei Teatri di Cintura per continuare a promuovere la cultura, la riflessione sul presente e il senso di identità dei cittadini.  Un’offerta di qualità, variegata e diffusa sul territorio, rivolta ad un pubblico ampio per incontrarne le sensibilità più differenti, favorirne lo scambio culturale e mobilitare le creatività sommerse. Eventi, iniziative, spettacoli, con una preferenza rivolta alla nuova drammaturgia, a cui si affiancano le proposte di giovani autori italiani e la scelta di testi contemporanei. Ma anche una particolare attenzione alle formazioni emergenti e al teatro ragazzi per una programmazione arricchita da molteplici attività, appuntamenti e laboratori.
Un progetto multidisciplinare che si rinnova anche quest’anno grazie al sostegno dell’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione di Roma Capitale, della Regione Lazioe della Provincia di Roma, cheaffidano al Teatro di Romalaprogrammazionee lagestionedelle due sale, consolidandone l’identità e incoraggiandone le espressioni artistiche.
 
Si inizia il 26 ottobre al Teatro Biblioteca Quarticciolo con il concertodel trio italo-argentino Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Mangalavite, insieme per una performance in musica che ripercorre la canzone italiana e la tradizione musicale argentina.
 
Mentre Ottavia Piccolo aprirà il Teatro Tor Bella Monaca il 28 ottobre con Donna non rieducabile, il viaggio nella vita e nel lavoro della giornalista Anna Politkovskaja, dal testo di Stefano Massini per la regia di Silvano Piccardi.
 
Si continua al Teatro Quarticciolo il 28 ottobre con la musica e la comicità travolgenti dell’Orchestraccia, il complesso itinerante formato da attori, bloggers, cantautori, musicisti, performers – come Luca Angeletti, Roberto Angelini, Diego “Zoro” Bianchi, Giorgio Caputo, Marco Conidi, Edoardo Leo, Edoardo Pesce – uniti in un’idea innovativa di spettacolo che comprende musica e teatro a partire da un repertorio che attinge agli autori romani tra Ottocento e Novecento, con sonorità dal dub al punk-rock, fino al patchanka.
Al Teatro Tor Bella Monaca si prosegue il 29 ottobre con un dolcissimo spettacolo Pasticceri, ricetta deliziosa ideata da Leonardo Capuano e Roberto Abbiati che in un penetrante profumo di creme e di morbidi impasti incarnano due fratelli gemelli, diversi nell’aspetto e opposti nel carattere ma ugualmente abili nella preparazione di torte e pasticcini.
Un pomeriggio dedicato al pubblico dei più piccoli e delle famiglie è previsto per il 30 ottobre: il Teatro Tor Bella Monaca presenta lo spettacolo di clown poetico dell’Associazione Arte & Mestieri, Una casetta fatta di niente, sequenza di numeri curiosi e sorprendenti per non dimenticare che giocare è un’arte fondamentale della vita.
Mentre al Teatro Quarticciolo vanno in scena Gli animali di legno che parlano, del Teatro della Marionette degli Accettella, un collage di storie e leggende tratte dalle fiabe dei fratelli Grimm, dalle favole di Gianni Rodari e dalle Fiabe italiane di Italo Calvino.  
 
La programmazione dei Teatri di Cintura prosegue con la nuova produzione di Egumteatro, Bellas Mariposas, dal romanzo dello scrittore sardo Sergio Atzeni per la regia di Annalisa Bianco (al Teatro Biblioteca Quarticciolo il 5 e 6 novembre).
Si continua con Ottavia Piccolo in Donna non rieducabile (al Quarticciolo il 12 e 13 novembre) e Rolando Ravello porta in scena Agostino. Tutti contro tutti di Massimiliano Bruno per la regia di Lorenzo Gioielli (al Quarticciolo il 17 e 18 e a Tor Bella Monaca il 19 e 20 novembre).
Dopo aver transitato al Quarticciolo, il gruppo folk-punk-rock romano, l’Orchestraccia, approda sul palcoscenico del Teatro Tor Bella Monaca (il 25 novembre). Ed ancora Enzo Vetrano e Stefano Randisi nella messa in scena di Totò e Vicè di Franco Scaldati (a Tor Bella Monaca il 26 e 27 novembre), mentre Milena Costanzo e Roberto Rustioni presentano Lucido, uno dei testi più recenti del drammaturgo argentino Rafael Spregelburd (al Quarticciolo 29 e 30 novembre).
 
Paolo Briguglia e Roberto Salemi propongono Nel mare ci sono i coccodrilli, la storia vera di Enaiatollah Akbari, dal best seller di Fabio Geda (a Tor Bella Monaca il 1° dicembre e al Quarticciolo il 2 e 3). Ulderico Pesce conMedea. Il matrimonio tra una clandestina e un colonizzatore (a Tor Bella Monaca il 3 e 4 dicembre) si alternerà al trittico beckettiano Atto senza parole 1, Non io, L’ultimo nastro di Krapp, per la regia di Giancarlo Cauteruccio (al Quarticciolo il 14 e 15 e a Tor Bella Monaca il 16 e 17 dicembre). A seguireRadio Argo dal testo di Igor Esposito, per la regia Peppino Mazzotta (al Quarticciolo il 17 e 18 dicembre). Ed ancora la prima band al mondo che suona esclusivamente strumenti giocattolo, la Play toy orchestra, in collaborazione con l’Accademica Filarmonica Romana (a Tor Bella Monaca il 18 dicembre). Si conclude con L’ingegner Gadda va alla guerra (O della tragica istoria di Amleto Pirobutirro) con Fabrizio Gifuni, regia di Giuseppe Bertolucci (al Quarticciolo il 20 e 21 dicembre); Gli alti e bassi di Biancaneve. Favola per bambini e adulti di Emma Dante (in prima romana al Quarticciolo dal 26 al 28 e a Tor Bella Monaca il 29 e 30 dicembre) e l’Amleto del Teatro del Carretto (a Tor Bella Monaca il 27 e 28 e al Quarticciolo il 29 e 30 dicembre). Grande attenzione anche verso il mondo dei piccoli e dei ragazzi con spettacoli come Hansel e Gretel di Vincenzo Manna, vincitore del Premio Scenario Infanzia 2010 (a Tor Bella Monaca dal 3 al 5 e al Quarticciolo dal 24 al 27 novembre); Il soffio delle camere d’ariadi Giuseppe Manfridi e Attilio Marangon, per la regia di Roberto Gandini, uno spettacolo dei ragazzi del Laboratorio Integrato Piero Gabrielli; I Racconti di mamma Oca, regia di Pietro Fenati tratto da Mère l’Oye, una suite di Maurice Ravel per pianoforte, ispirata ad illustrazioni tratte da un libro di fiabe per l’infanzia d’epoca (a Tor Bella Monaca dal 15 al 17 dicembre).
Nell’ambito dell’area formativa, il Teatro Tor Bella Monaca prevede il laboratorio teatrale attorno allo spettacolo delle Baccanti perdute di Luca Archibugi, diretto da Marco Mattolini, un’occasione per approfondire i passaggi della messa in scena teatrale attraverso la descrizione e la dimostrazione pratica delle varie problematiche insite in ciascun ruolo, sul palcoscenico e dietro le quinte.
I Teatri di Cintura ripartono per continuare ad offrire occasioni culturali e opportunità di socializzazionealla collettività intera, aprendo le loro sale con i primi tre spettacoli di ottobre al prezzo lancio di 5 euro (posto unico), e ridotto a 2 euro per i ragazzi fino a 12 anni.
{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Close