Spettacolo

Il Ritorno dei Piccoli Cantori e il Concerto di Povia

PoviaSi è svolto presso il PalaSforza Coza Di Cori (Latina), il Concerto di Povia organizzato e coadiuvato da Radio Bonjour Bonjour attraverso Tiziana Mammuccari.

Memorabile l’apertura del concerto effettuata ad opera dei Piccoli Cantori della Scuola Elementare Corrado Corradi, seconde  classi,  di Torre Maura Roma magistralmente diretti dalle maestre Linda, Bianca ed altre colleghe. In una coreografia scenica spettacolare, sotto una cornice dedicata ai bambini e alle tematiche affrontate nelle sue canzoni dal grande Povia, i bambini si sono esibiti in una performance eccezionale cantando e mimando “ Volare” del grande Modugno e “ Quando i bambini fanno oh” di Povia  nonchè altre splendide canzoni. Ognuno di loro portava un cartello richiamante i diritti indelebili e talvolta violati dell’infanzia. Dopo di loro, la grande esibizione di Povia che ha richiamato l’attenzione con il suo concerto  delle tematiche affrontate e aventi un alto valore umanistico. Ogni sua canzone è stata rappresentata da un cartello esplicativo di ogni performance. Grande la sua classe, la sua vitalità, la sua energia; che ha coinvolto il pubblico che lo ha osannato e partecipato entusiasta con il coro, con il ballo collettivo, mettendo sempre in evidenza loro: i Bambini. I bambini di ieri, di oggi e di domani. Ha parlato con sincerità Povia, esprimendo la sua umanità di uomo di quaranta anni, che ricorda gli episodi più amari della sua gioventù, quando racconta che a 20 anni, dopo aver fatto uso di droghe leggere e alcool, una sera con il suo migliore amico ebbe un incidente d’ auto nel quale quest’ultimo morì. Per lui era un fratello e, questa esperienza lo ha ucciso nell’io interiore e ne ha elaborato una canzone. In “Luca era Gay”, presentata a Sanremo, egli parla di un’esperienza vissuta da una persona da lui conosciuta, che credeva di essere gay perché da piccolo era lontano dal  padre, e per un amore smisurato da parte della mamma che gli aveva tarpato le ali. Questo ragazzo viveva una terribile conflittualità interiore, però dopo aver indagato nel suo io, aver fatto pace con suo padre, ha conosciuto una ragazza ad una festa ed è diventato padre. Meravigliosa e toccante questa storia vera cantata da Povia, che ha affrontato uno degli argomenti più attuali con parole e opinioni proprie. Magico il finale con “Quando i bambini fanno OH”, che racconta l’infanzia violata, il traffico di organi, lo sfruttamento della prostituzione, il lavoro minorile, la pedofilia; una verità amara e scomoda, che fa di lui un magico rappresentante di tutte le variegate verità nascoste, attualissime e mai affrontate con coraggio.

Back to top button