Cinema - NEWS FROM HOLLYWOOD by STELLA S.

The Witch – INTERVISTE E FOTO ESCLUSIVE

The witch posterdalla nostra corrispondente da Los Angeles, Stella S.

Los Angeles, 15 febbraio – “The Witch” merita d’essere visto anche da chi non ama il genere- horror drammatico.

Il film è magistralmete  scritto e diretto da  Robert Eggers, vincitore  come miglior regista del festival 2015 di Sundance. Il cast è perfetto, i giovanissimi  attori sono un esempio di bravura, la storia è ricca di sorprese inaspettate e luce, costumi, colonna sonora aggiungono il target  di qualità desiderato dal regista.

La storia si svolge nel 1630 nel New England ed è uno squisito e terrificante nuovo film horror. Racconta l’allontanamento da parte della chiesa di un contadino inglese mandato a vivere con moglie e cinque figli in una remota zona vicino ad una foresta. Strane situazioni iniziano ad accadere. Un figlio sparisce ed un altro si perde nella foresta, tornandone  indemoniato. La distruzione della famiglia  continua e la figlia maggiore viene accusata d’essere una strega……

Abbiamo incontrato gli attori principali e il regista all’hotel Redburry di Hollywood.

 

Ralph Ineson (William)  attore inglese è un veterano del cinema, televisione e teatro (HBO “Games of Thrones” Ridley Scott Robin Hood, Guardian of the Galaxy) La voce di questo attore,  molto densa e particolare,  è precisa per la parte interpretata. Speriamo che il doppiaggio non ne  alteri l’effetto.
“Ha ottenuto con esercizi vocali particolari il tono della sua calda e corposa voce?”
“Stranamente no, un dono di natura. Mia nonna aveva una voce corposa, recitando la si esercita, specialmente in teatro , ma diciamo non è merito mio”.
Ci sono state difficoltà per lei  recitare  un inglese “antico”che riflette l’epoca del 1630 in cui si svolge la storia?
“Con un poco d’esercizio e un pò di improvvisazione sono riuscito a parlare come il regista desiderava”.
“Sembra che i migliori attori oggi siano inglesi. Pensa sia dovuto specialmente alle interpretazioni teatrali e tradizione Shakespiriana?”
Lavorare in teatro, per un attore è formativo quanto fondamentale. Forse è questa la ragione per cui gli attori inglesi, legati alla tradizione teatrale, hanno questa nomea.
 
Kate Dickie (Katherine)scozzese, premiata  per “The  Road”  con il The British Independent Film Award come miglior attrice in film indipendenti. Citiamo uno tra i suoi film “Prometeus” di Ridley Scott. La lista delle sue interpretazioni è ricca e lunga.
“Non ha avuto dubbi ad interpretare  “The Witch” diretta da un regista al suo primo lungometraggio?”
“La sceneggiatura mi è sembrata così precisa e interessante tanto da non lasciarmi dubbi sulla scelta d’interpretarla, inoltre Eggers sia per la sua preparazione cinematografica ,la sicurezza nei dettagli desiderati per la corposità del film, mi ha fatto capire d’essere in buone mani e così èstato. Lavorare con Eggers e sviluppare il mio personaggio posso considerarla un’esperienza costruttiva per il mio lavoro d’attrice. Alcune scene, specialmente quella del corvo mentre becca il mio capezzolo è mi ha fatta sudare non poco per riuscire a realizzarla come si doveva,  il mio seno è stato coperto con un materiale plasico per rendere l’effetto drammatico inserendo del cibo per invogliare il corvo a beccare…..”. 
 
Robert Eggers ha superato e affrontato il suo debutto cinematografico con una meticolosa preparazione dovuta anche al suo backgound professionale portando a termine l’elaborata produzione e post produzione, creando un linguaggio per i suoi personaggi ed usando persino  preghiere dei manuali Puritani. Ha usato animali sul set, ha girato il film in 26 giorni con le difficoltà continuative di luce dovuta al continuo cambiamento atmosferico.
“Ho voluto scrivere e dirigere questa storia” – ha detto – “per rappresentare un antifemminismo esistente ancora oggi. Quando si classificava una donna come strega, la si diffamava obbligandola a confessare una verità inesistente . Oggi non è cambiato il sistema e la donna è ancora costretta a subire umiliazioni o essere tacciata per quel che non è. Per il mio film cercavo attori capaci di trasmettere emozioni specialmente per le molte scene difficili da girare nelle quali partecipavano attori molto giovani. Sono stato fortunato, il casting director mi ha presentato durante le audizioni ottimi attori.”
“Senz’altro diamo merito al casting director, ma lei ha scelto gli attori!!!!”, abbiamo sottolineato. Notevole il giovane, Harvey Scrimshaw, nella parte di Celeb.
“Si , ha interpretato il suo personaggio, non facile, veramente bene”
“Steven king, l’idea di scrivere  Shaining gli è venuta in un sogno, lei non crede nella possibilità di ricevere attraverso, appunto , sogni o idee, influenzati da  qualcuno nell’aldila , magari scrittore?”
“Dove io sono nato idee del genere potrebbero essere credibili, io, comunque, ho sognato spesso streghe, forse per le storie che ascoltavo o per le letture fatte” 
 
Anya Taylor Joy
“Quando ho letto la sceneggiatura mi sono resa conto delle difficolta psicologiche da gestire per interpretare il  personaggio di Thomasin, per cui all’audizione ero particolarmente nervosa.”
“Vedo da come muove le mani l’evidenza della metà parte argentina di suo padre e spagnola da parte di madre …”. Anya ride……”Lei ha seguito scuole di teatro?”
“No, la mia scuola l’ho fatta sui set e lì sviluppo la mia esperienza d’attrice”
“Indubbiamente possiede anche un talento naturale considerando la parte che ha interpretato in “The Witch” oppure è stata ben diretta?”
La ringrazio per il complimento, sicuramente per un’attrice essere ben diretta è molto importante. Eggers ha saputo aiutarmi a sviluppare il personaggio di Thomasin superando tutte le difficoltà emotive.
“Nei suoi progetti il film con Luke Scott ..”
“Ho terminato il film “Morgan” diretto da Luke Scott  interpretato da Kate Mera e Paul Giamatti è un sci-fi thriller, e “Split” diretto da M.Night Shyamalan.

Galleria Fotografica

{youtube}TA9dU-uhgq4{/youtube}

Official Trailer

{youtube}iQXmlf3Sefg{/youtube}

Tags
Close