Scienza

ALIMENTAZIONE E PREVENZIONE SUL CANCRO A CASTEL DI TORA

Il cibo, la nutrizione, l’attività fisica e la prevenzione del cancro: una prospettiva globale.


Il Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro (WCRF), la cui missione è di promuovere la prevenzione primaria dei tumori attraverso la ricerca e la divulgazione della conoscenza sulle loro cause, ha concluso un’opera ciclopica di revisione di tutti gli studi scientifici sul rapporto fra alimentazione e tumori.

Vi hanno contribuito oltre 150 ricercatori, epidemiologi e biologi, di circa cinquanta centri di ricerca fra i più prestigiosi del mondo. Di tutti i fattori che si sono dimostrati associati ad un maggior rischio di cancro, quello più solidamente dimostrato è il sovrappeso.

Di qui la prima raccomandazione di mantenersi snelli per tutta la vita e di evitare i cibi ad alta densità calorica, cioè i cibi ricchi di grassi e di zuccheri, che più di ogni altro favoriscono l’obesità: in primo luogo quelli proposti nei fast food e le bevande zuccherate.

La vita sedentaria è un’altra causa importante di obesità, ma è una causa di cancro anche indipendentemente dall’obesità: gli studi epidemiologici hanno evidenziato che le persone sedentarie si ammalano di più di cancro dell’intestino, della mammella, dell’endometrio, e forse anche del pancreas e del polmone. 

Una corretta alimentazione e l’attività fisica sono quindi un binomio importante per la prevenzione dei tumori .

La figura del nutrizionista ha un ruolo fondamentale per un cambiamento permanente dello stile di vita che viene facilitato dal supporto del cuoco.

La collaborazione, tra nutrizionista e cuoco, ha come obiettivo quello di insegnare come, cucinare e mangiare, possano essere allo stesso tempo un piacere e uno strumento di benessere .

Il centro di prevenzione oncologica “Giunone 2” in collaborazione con l’Oasi Giardinelli, una struttura del 1700, nota anche come “collegio dei Greci” in quanto, durante l’estate, ospitava i seminaristi di origine greca,  immersa   nell’ampio parco prospiciente il Lago del Turano in località Castel Di Tora, uno dei “100 Borghi più Belli d’Italia” quasi a confine fra il Lazio e l’Abruzzo e poco distante  sia da Roma che da Avezzano, organizza visite specialistiche medico nutrizionista psicologo e corsi specifici per imparare a cucinare .

Il Prof. Corrado Scipioni direttore scientifico della struttura aggiunge: i più recenti studi hanno dimostrato che solo nel tumore della mammella l’alimentazione incide non meno del 20% e non più del 40% e comunque un 30% su tutti i tumori quindi una percentuale da prendere in considerazione seriamente .

L’obiettivo è quello di insegnare una corretta alimentazione attraverso un cambio permanente dello stile di vita   mantenendo il gusto della buona tavola ed è stata scelta la struttura di Sant’Anatolia immersa nel verde a pochi km da Roma e al confine con l’Abruzzo per coniugare alimentazione e l’attività fisica attraverso passeggiate in collina riscoprendo così la natura e il gusto di una sana e buona tavola. 

Per ogni ulteriore informazione, i numeri di utenza sono: 3466273446 – 086323338

{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Close