Politica

La Bonino scopre l’indignazione sulla vicenda dei Marò

Roma, 9 febbraio – Domani, in India, secondo il portavoce del ministero degli Interni Kuldeep Dhatwalia e su autorizzazione dello stesso ministero, all’apertura del processo dinanzi alla Corte Suprema contro i nostri due Marò sequestrati da 2 anni in India,  la polizia Nia proporrà l’imputazione in base alla repressione della pirateria “Sua Act”, ma senza contestare l’articolo che prevede la pena di morte bensì ripiegherà su una imputazione più mite che evoca genericamente “violenze” sulle navi” e che prevede una pena fino a dieci anni di carcere.

A tale notizia, Emma Bonino,  ha dichiarato  “Talune anticipazioni che provengono oggi da New Delhi sull’iter giudiziario del caso dei nostri fucilieri di Marina mi lasciano interdetta e indignata. Se confermata la sua applicazione, sarà contestata in aula dalla difesa italiana nella maniera più ferma” aggiungendo che “il governo ritiene sconcertante il riferimento e farà valere con forza e determinazione in tutte le sedi possibili l’assoluta e inammissibile incongruenza di tale impostazione anche rispetto alle indicazioni a suo tempo fornite dalla stessa Corte Suprema indiana”.  Infine ha garantito che “il nostro impegno di riportare a casa Massimiliano Latorre e Salvatore Girone è più forte che mai”.

Peccato che finora la linea che ha mantenuto il Ministro degli Esteri era che Non è accertata la colpevolezza, e non è accertata l’innocenza. I processi servono a questo” arrivando, il viceministro Lapo Pistelli, a scrivere sulla pagina  di facebook dedicata ai due fucilieri di Marina: “All’inizio di quest’anno l’Italia aveva una linea abbastanza incerta su come procedere  mentre ora abbiamo rimesso la questione su un binario di certezza: scelta di una giurisdizione speciale, condivisa; regole da utilizzare in processo, condivise”.

Con ciò,  non escludendo la colpevolezza dei nostri Soldati ed affermando di procedere nel processo congiuntamente con l’India.

Allora, avendo persino messo in dubbio l’innocenza dei Marò, e se il tutto è stato fatto in maniera condivisa e concordata con gli indiani, per  cosa si sente il Ministro Bonino interdetta e indignata”?

O piuttosto la situazione politica italiana è tale che,  visto che Renzi avanza, il Governo vacilla e le elezioni europee sono ormai a scadenza troppo ravvicinata, una particolare parte del corpo si chiude completamente per appiattirsi sulla poltrona nel tentativo di non essere “rottamati” ed allora è meglio “indignarsi”…

Tags
Back to top button
Close