Politica

GLI IMMIGRATI BRUCIANO E GLI ITALIANI DEBBONO STRINGERE LA CINGHIA PER PAGARE I DANNI

Caricati dalle recenti  visite di sostegno di parlamentari, giornalisti  e con l’appoggio delle organizzazioni che da tale gestione traggono gli utili, chiesa compresa, i clandestini trattenuti nei centri di accoglienza ed identificazione hanno alzato il tiro, incendiando il centro di Lampedusa.
lampedusa_fiamme

1300 immigrati clandestini, di massima tunisini, trattenuti nel centro di accoglienza di Lampedusa, dopo aver reclamato per la qualità di cibo servita, per il trattamento ricevuto, per le espulsioni che vengono fatte, hanno iscenato una protesta incendiando e distruggendo completamente due delle tre strutture nelle quali vengono ospitati e danneggiando la terza.
L’incendio ha provocato un’alta colonna di fumo rendendo l’aria irrespirabile tale da far ricoverare numerosi abitanti ed operatori di Polizia per intossicazione, mentre l’aeroporto è stato chiuso per alcune ore per mancanza di visibilità.
Approfittando delle fiamme, circa 800 “ospiti”, si sono eclissati, dandosi alla fuga. Circa 400 sono stati rintracciati dai Carabinieri mentre gli altri sono in giro per l’isola.
Il sindaco di Lampedusa Bernardino de Rubeis.  ha dichiarato che “Il Cie è interamente devastato, è tutto bruciato, non esiste più e non può più ospitare un solo immigrato. Ora Lampedusa non ha più un posto. E’ urgente che il governo intervenga dopo tanto immobilismo. Avevamo avvertito tutti su quello che poteva succedere ed è accaduto” aggiungendo ” Questo è uno scenario di guerra; c’è una popolazione che non sopporta più, vuole scendere in piazza con i manganelli e difendersi da sola, perché chi doveva tutelarla non l’ha fatto”
Appena riaperto lo scalo, sono iniziati i trasferimenti.
Adesso si dovrà ricostruire per consentire ad una massa di delinquenti di distruggere tutto, come avevano già fatto nel 2009.
Ma la domanda nasce spontanea: il Governo fa leggi con ingenti tagli di spesa per risparmiare, sulle spalle dei cittadini della Repubblica che già pagano le tasse. Tutti i soldi per ospitare gli immigrasti clandestini, non in regola, da dove vengono presi?
Da questa domanda, si potrebbe trarre la risposta al sindaco di Lampedusa su dove andranno trasferiti questi signori: basterebbe smistarli a casa di quei signori che hanno espresso loro solidarietà o presso le strutture della chiesa, viste le abbondanti disponibilità che hanno dimostrato di avere (l’occupazione della Basilica di San Paolo insegna…..)
 
{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Back to top button