Politica

ALTRA FIGURACCIA DELLA SINISTRA AL PARLAMENTO EUROPEO

Duplice figuraccia della sinistra al Parlamento Europeo. Hanno volutamente ignorato l’appello del Presidente Napolitano e sono stati bocciati nella votazione contro Berlusconi e l’Italia.
Strasburgo

Visto che in Italia non riescono a spuntarla contro Berlusconi che, pur sbagliando in molte cose, continua ad avere il gradimento dei Cittadini Italiani per  le tante cose positive concluse e che dovrà ancora realizzare,  gli eurodeputati del PD e dell’Idv, con l’accordo dei gruppi di socialisti, democratici, liberaldemocratici, verdi e sinistra unitaria, hanno messo a punto un testo comune denunciando l’esistenza di anomalie in molti Paesi Europei ma principalmente in Italia, con il conflitto di interessi del Presidente del Consiglio Berlusconi nonché le sue “pressioni” sui mass media nazionali ed esteri, alterando così la libertà di stampa.
Ovviamente, questi proclami vengono fatti dalle televisioni, pubbliche e private (anche Mediaset) e dai giornali, ma questo per loro è violazione del diritto all’informazione.
Se poi il Presidente Napolitano aveva detto ai neo eletti che “Il Parlamento europeo non può essere cassa di risonanza di polemiche e conflitti che si svolgono nei singoli Paesi e nei Parlamenti nazionali” e che “L’Assemblea di Strasburgo non può nemmeno diventare un’istanza d’appello rispetto a quanto deciso nei Parlamenti o negli esecutivi nazionali” in quanto per questo ci sono le sedi “appropriate”: “Dalla Corte di giustizia del Lussemburgo alla Corte di Strasburgo fino al Consiglio europeo”, beh, chi se ne importa!
L’importante è vincere ed abbattere Berlusconi, pensiero questo fisso nella mente di Franceschini, visto che in ogni suo discorso, l’unica parola che si sente ripetere è Berlusconi. Ci si chiede: ma nessuno ha mai detto a Franceschini che la migliore pubblicità al suo nemico, la sta facendo lui?
Così, fedeli al mandato politico ricevuto consistente nel non preoccuparsi dell’immagine italiana all’estero, i parlamentari europei italiani di sinistra, hanno presentato a Bruxelles la mozione che contestava i conflitti di interesse in Europa ed in modo particolare contro “la situazione italiana” ove vanno “deplorate le pressioni contro i giornali italiani ed europei da parte delle “autorità di governo italiane”.
Ma nel voto di Strasburgo, per 3 voti, la mozione non è passata e così alla sinistra non è rimasto altro che portare a casa l’ennesima figuraccia e cioè aver ignorato la raccomandazione del Presidente della Repubblica, aver criticato l’Italia e poi tornarsene a casa con le pive nel sacco!
{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}https://www.youtube.com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}{/com/watch?v=PD7NAbVWBGA{/com/watch?v=PD7NAbVWBGAremote}remote}remote}
Back to top button