Notizie

Olimpiadi di Tokyo 2020 obbiettivi Italia. Italia verso il record: 25 medaglie

Due Oro, Otto Argento e Quindici Bronzo

Roma, 31 luglio 2021 – Ai Giochi Olimpici di Tokio tornano le medaglie nel cielo azzurro. A metà della undicesima giornata di gara sono complessivamente 25 grazie alle quattro odierne.

Cominciando dal basket i Giochi oggi hanno preso un profilo favorevole per la spedizione italica.
Con 25 medaglie siamo al 6 posto di un medagliere che parla soprattutto asiatico. Con Cina, Giappone Usa e Russia (ROC)

L’Australia con le stesse medaglie dell’Italia è quinta, ma sono di metallo più pregiato per questo qualcuno la inserisce avanti. www.attualita.it, non è con costoro. Preferisce non distinguere ma guardare al totale.

Perchè un oro vinto nel nuoto o nell’atletica , non ha lo stesso valore di uno vinto nel
badminton.

Se si cominciano a fare distinzione sui criteri non si arriva da nessuna parte. Meglio considerare il numero complessivo.. anche perché bisognerebbe calcolare anche la popolazione delle Nazioni partecipanti…

Ma più delle singole medaglie e del loro valore metallico, ciò che deve fare esultare è la qualificazione ai quarti dell’Italbasket, grazie al successo sulla Nigeria 80-71.

Ora si attende solo di conoscere con il sorteggio, quale avversario offrirà all’Italia nel prossimo turno.

Ma già essere fra le prime 8 squadre del globo in uno sport il più diffuso e praticato ad ogni latitudine, è un successo strepitoso.

Il trionfo di quell’eclettismo che è la dimostrazione concreta della qualità della sportività italica.

BASKET
In Nigeria, quanto in qualsiasi isoletta del Pacifico bastano pochi metri quadrati e due canestri, per praticare il basket, anche dalla mattina alla sera, come nel Bronks newyorchese.
E nel caso della Nigeria di vederlo praticato anche da splendidi atleti alti e coordinati.
Pronti ad essere reclutati nel paradiso del basket: Gli Stati Uniti dell’Nba.
Non è stato uno scherzetto battere una squadra in cui due terzi degli elementi, giocano professionisti nell’NBA.
Tipi iperdotati in grado, se ben marcati, di infilare canestri da tre punti da ogni distanza, tipo Mutu autore da solo di 22 punti fatti da triple.
C’è voluto innanzi tutto l’esempio di Capitan Melli che ha risposto con 15 punti e qualche tripla al momento giusto.
C’è voluta la calma olimpica del CT azzurro, la sua lucidità, per attendere gli sviluppi del match; per arrivare con cervello e tattica giusta al successo finale.
La Nigeria aveva impostato tutto sull’aggressività anche fisica, per frenare la manovra azzurra.
Ma tale aggressività – che portava frequentemente alla perdita del pallone ed alle segnature di triple da parte africana – aveva un suo prezzo.
La Nigeria caricava di falli i suoi elementi migliori NBA con il risultato di trovarsi scoperta nel finale. Non più padrona sui rimbalzi.
Logiche ed inevitabili le conseguenze.
Già all’inizio del terzo tempo, la Nigeria aveva esaurito il Bonus. I problemi sono arrivati a questo punto.
La Nigeria, via via, è stata prima controllata e poi negli ultimi 5 minuti sovrastata per un risultato finale di 80-71.
Un risultato che promuove l’Italbasket fra le stelle dell’immenso firmamento cestistico.

BOXE
Irma Testa, purtroppo in semifinale ha perso ai punti con la campionessa del mondo dei pesi leggeri di Boxe 57kg, la filippina Westhy Petecio. Peccaato .
La ragazza napoletana ha uno stile pugilistico elegante e redditizio tipo Benvenuti.
La filippina è una roccia formato Monzon. I giudici hanno preferito l’aggressività e la potenza alla classe per 4-1. La Testa deve contentarsi del bronzo.

NUOTO
Nel nuoto, la liberista Simona Quadarella ha conquistato il bronzo negli ottocento metri. Disciplina praticata universalmente a tutte le latitudini.

SOLLEVAMENTO PESI
Anche il bronzo di Nino Pizzolato proviene da una disciplina che è la più antica e praticata del mondo, il sollevamento pesi. Per la classe fino agli 81 chili, Pizzolato, sollevando 203 chili ha conquistato il podio.
Pizzolato ha anche tentato il colpaccio per una alzata di slancio a 210 chili, ma è andata male. Sarebbe stato oro

TIRO CON L’ARCO
Dulcis in fundo la medaglia d’argento nella gara individuale tiro con l’Arco, conquistata dal ligure Mauro Nespoli. Il trentenne arciere di Voghera, medagliato a squadre a Pechino e Londra, si è piazzato secondo dietro il turco Mete Gazos.

I Giochi si chiudono fra 8 giorni. L’Italia è già a quota 25 medaglie ed è in lizza per podi in vari sport a cominciare dall’atletica a finire con la vela.

Occhio anche a quello che succede negli sport di squadra dove gli azzurri si difendono egregiamente. Nel Basket, nella pallavolo e, soprattutto con il Settebello della pallanuoto.

 

Giacomo Mazzocchi

Giacomo Mazzocchi, giornalista professionista, è stato capo redattore di TuttoSport, capo della redazione sportiva di Telemontecarlo, direttore della comunicazione della Federazione Mondiale di Atletica Leggera e direttore della comunicazione della Federazione Italiana Rugby. Vanta una vasta esperienza suddivisa fra giornalismo scritto e video con direzione e gestione di giornali, pubblicazioni, redazioni televisive, telecronache, conduzioni e partecipazione televisive. Cura l'organizzazione e produzione tv di eventi e uffici stampa
Guarda anche
Close
Back to top button