Notizie

Olimpiadi di Tokyo 2020 – Atleti partecipanti, obbiettivi Italia. Sono 12 le medaglie italiane. È il momento delle donne italiane

È il momento delle donne italiane

Roma, 27 luglio 2021 – Alle Olimpiadi di Tokyo, l’Italia è scesa al 12° posto, avendo finora solo una medaglia d’oro ma anche 5 argenti e 6 bronzi, che come numero, la porterebbero al 6° posto.

Come dicevamo, sono le donne italiane le protagoniste di molteplici pagine sportive con importanti conquiste di medaglie ai Giochi Olimpici di Tokio.

NUOTO
La spinta agonistica decisiva è la qualificazione alla finale del 200 m. sl. di Federica Pellegrini, giunta alla quinta finale olimpica nella stessa specialità.

Un primato assoluto, condiviso soltanto da un altro atleta, lo statunitense Michael Phelps.
“Baltimora Bullet”, come era soprannominato Michael Phelps, compì le sue imprese, ugualmente in piscina, fra i Giochi di Atene e quelli di Rio.

A 33 anni, Federica è una vera leggenda che trascina dietro di se tutto il movimento sportivo femminile italiano.

E di conseguenza tutto lo sport italiano che parte proprio dalla mentalità sportiva del proprio nucleo familiare dove la madre è regista.

Federica sarà questa notte in gara per la sua quinta finale alle ore 3,41.

ANCHE LE MEDAGLIE ITALIANE DELLA GIORNATA SONO AL FEMMINILE. 

SOLLEVAMENTO PESI

Giorgia Bordignon,  nel sollevamento pesi -64Kg,   conquista la medaglia d’argento sollevando 232 kg, diventando così la prima donna  a vincere una medaglia olimpica nel sollevamento pesi.

JUDO
La prima viene dallo Judo che ci ha già regalato la medaglia di bronzo dei 52 kg con la Odette Giuffrida.

Lo judo è la risposta giapponese dei piccoli rispetto i grandi: è l’arte di trasformare l’energia altrui in quella propria.

La 26 enne ragazza romana, Maria Cerracchio, per il bronzo si era ritrovata davanti un avversaria decisamente più atletica, l’olandese Julia Fransen.

Questo aveva fatto la Giuffrida e questo ha fatto oggi Maria Cerracchio nella categoria fino ai 67 kg.
Non ha dato respiro all’avversaria, l’olandese Julia Fransen, anticipando ogni mossa , portandola a terra ed impedendogli di usare il fisico e quindi ogni iniziativa.

Concluso il periodo 0-0 nel Golden Score, la Fransen ha maturato 3 richiami e la squalifica.

Ed all’Italia la decima medaglia, di bronzo, della spedizione olimpica.

SCHERMA
Ugualmente bronzo per le nostre schermitrici della Spada rimaste a secco nel concorso individuale.

Di fronte a loro, la Cina, una delle favorite

È stata una gara drammatica quella che ha posto di fronte a rotazione 3 ragazze per parte . Per l’Italia Mara Navarria, Rossella Fiamingo, Federica Isola. Riserva Alberta Santuccio.

Grande equilibrio nella fase inziale. Fra la quarta e quinta rotazione Fiamingo e Navarria prendono il largo portando l’Italia ad un vantaggio massimo di 7 assalti: 15-9.

Mentre a 3 minuti dalla conclusione del tempo, con ancora due match da effettuare, l’Italia vanta 7 stoccate di vantaggio 19-12.

È fatta! dunque. . Le azzurre appaiono stremate ed il DT azzurro decide di mettere sulla pedana la riserva Alberta Santuccio. Ci sono 4 punti da difendere nei 6 restanti minuti divisi in due assalti.

La cinese Lin Sheng piazza subito 2 stoccate, ma l’azzurra – la poliziotta Santucci piazza immediatamente una parata e risposta che rimette la situazione sotto controllo.

È la prima stoccata olimpica dell’azzurra. La prima presenza olimpica per un atleta irpina. L’assalto si conclude con un 20-16 per l’Italia.

Quattro punti di vantaggio da gestire in 3 minuti.

Sulla pedana Federica Isola e la Zhu.

A 20″ secondi dalla fine c’è ancora un vantaggio di due punti.

Ad 8″ è diventato 1.

Bisogna andare all’arrembaggio. La Zhu mostra crampi. Il match viene sospeso per 5 minuti. La cinese viene massaggiata e ‘riparata’.

Al via, Zhu balza avanti per il corpo a corpo; Federica l’aspettava e la infila, 23-21.

Mancano 3″17, i giochi sono fatti. L’Italia è di nuovo di bronzo.

VOLLEY
È il momento della donna italiana. Nel volley l’Italia sta soffrendo molto contro la Turchia, la nazione europea che meglio si comporta nell’ambito nella Coppa Campioni, creando non pochi problemi ai migliori club della Serie A italiana

Le azzurre non hanno ancora raggiunto un rendimento standard nel torneo olimpico. Vincono ma non convincono. Soprattutto appaiono troppo Paola Egonu dipendenti.

La pallavolista simbolo del Volley azzurro, va a corrente alternata: associa cose magnifiche ma anche svarioni in battuta e in schiacciate che non ti aspetti.

La Turchia è assai brava in difesa ed in ricezione.

Alla fine sono le azzurre che mantengono la loro imbattibilità e si candidano all’oro.

TENNIS
Molto vicina alla medaglia pregiata, è la tennista Camilla Giorgi che si esalta agonisticamente nelle grandi sfide. Oggi, addirittura ha sistemato in due set 6-4 e 6-2 la Numero Uno al mondo, la ceca Karolína Plíšková, ed è entrata nei quarti.

BOXE
In piena esaltazione anche la boxe (al femminile per forza, poichè i maschi sono rimasti a casa).

Il pugilato italiano, anche al femminile, si ispira al triangolo magico che sta fra Napoli e Caserta.
Napoletana è Irma “la dolce” (ma in realtà è amarissima da digerire) Testa, volata già nei quarti nella categoria Leggeri.

E dell’interland napoletano (Marcianise, Afragola) è anche la mancina peso welter Angela Carini, ventiduenne figlia di poliziotti e poliziotta anche lei, presso le FFOO.

A sbarrarle la strada ha trovato la quotata cinese Nien Chin Chen. La Carini è mancina e, data la mancanza di simmetria nelle guardie, il match è fatalmente diventato disordinato.

La Carini che porta i colpi più puliti e non cede mai il passo anche nella rissa, con un grande terzo round porta a casa il risultato e l’ingresso in zona medaglie.

QUANTO AGLI UOMINI.
Da segnalare il grande numero di passaggi di turno nelle batterie delle varie specialità e di semifinalisti e finali in programma nelle ore nobili notturne.

Ed il pareggio 6-6 della Pallanuoto contro la Grecia.

Giacomo Mazzocchi

Giacomo Mazzocchi, giornalista professionista, è stato capo redattore di TuttoSport, capo della redazione sportiva di Telemontecarlo, direttore della comunicazione della Federazione Mondiale di Atletica Leggera e direttore della comunicazione della Federazione Italiana Rugby. Vanta una vasta esperienza suddivisa fra giornalismo scritto e video con direzione e gestione di giornali, pubblicazioni, redazioni televisive, telecronache, conduzioni e partecipazione televisive. Cura l'organizzazione e produzione tv di eventi e uffici stampa
Back to top button