Menu
Flash - Operazione "Anno Zero". 22 provvedimenti a carico del clan del latitante Matteo Messina Denaro

Flash - Operazione "Anno Zero…

Trapani, 19 aprile 2018 -...

Serie A, 33ma giornata 2018. Brividi in testa, fuochi d'artificio a Firenze. CLASSIFICA

Serie A, 33ma giornata 2018. Brivid…

Roma, 8 aprile 2018 - Paz...

Men in Pink Gala - VIDEO - GALLERIA FOTOGRAFICA

Men in Pink Gala - VIDEO - GALLERIA…

dalla nostra corrispond...

Serie A – 32ma giornata. Altra giornata pro-Juve - CLASSIFICA

Serie A – 32ma giornata. Altra gior…

I bianconeri volano a +6 ...

Accademia Filarmonica Romana - “Tierra y Alma” M.Ángel Berna e Manuela Adamo

Accademia Filarmonica Romana - “Tie…

Danza di passione e di me...

La Siria è vicina, ma sta lì.

La Siria è vicina, ma sta lì.

Roma, 14 aprile 2018 - Le...

Serie A, 32ma giornata 2018. Inter, avanti piano.

Serie A, 32ma giornata 2018. Inter,…

Roma, 14 aprile 2018 - An...

Rugby Eccellenza. Padova, Fiamme Oro e Calvisano-Rovigo sono le due semifinali scudetto 2018

Rugby Eccellenza. Padova, Fiamme Or…

Roma, 14 aprile 2018 - Ne...

I veti incrociati complicano la soluzione della crisi

I veti incrociati complicano la sol…

Roma, 13 aprile 2018 - Da...

Accademia Nazionale di Santa Cecilia - Alexander Sladkovsky dirige autori russi

Accademia Nazionale di Santa Cecili…

Paganini v/s Mefistofele ...

Prev Next

MotoGP - Qatar - Vince Dovizioso su Marques e Rossi

motogp qatar dovizioso rossi mar 18
(foto Ansa/Epa)
Roma, 18 marzo 2018 - È tempo di Italia nello sport mondiale. Dopo il successo ieri di Vincenzo Nibali nella classicissima del ciclismo Milano-Sanremo, oggi è stato Andrea Dovizioso a prendersi il successo in Qatar nella gara di apertura del Motomondiale, bruciando sul traguardo il Campione del Mondo in carica Marc Marques seguito da Valentino Rossi.
Come Nibali, anche Dovizioso  si può definire un figlio del Sud, nel senso che è nato, in Romagna a Forlimpopoli dove suo padre Antonio, motociclista agonista dilettante di Cross, era giunto dalla natia Calascibetta (Enna) all’età di otto anni.
Le analogie con lo Squalo dello Stretto non finiscono però qui. Per entrambi bravura tecnica e solidità mentale si sposano con una qualità fondamentale  per chi si cimenta nelle due ruote  a motore  o senza: il coraggio e la lucida temerarietà al limite della incoscienza.
Lo squalo messinese non ha rivali quando si tratta di buttarsi a capofitto per discese a scapicollo   come  ha fatto ieri sul Poggio prima di San Remo, neanche incidenti quasi mortali lo fermano.
La caratteristica più evidente di Andrea Dovizioso è la sua perenne gara contro la forza centrifuga. È li che nasce  la differenza principale  con gli altri competitors magari meglio equipaggiati.  Gomme consumate, pioggia, macchie d’olio. Lui viaggia sempre al limite. Dove gli altri non ci provano. Non vive solo di tecnica e motore, lui ci mette il coraggio speciale a rischio di andare a gambe all’aria. Cosa che succede di frequente, ma che non lo fa cambiare.
Quello odierno in Qatar è stato il suo capolavoro in quanto a matrimonio fra abilità, lucidità, tecnica e coraggio.
Gli ultimi giri del Gran Prix del Qatar  sono quelli che nessuno che li ha vissuti, da attore o spettatore,  potrà dimenticare.
L’allungo a tre dopo  tante schermaglie. Con il pilota della Ducati in testa. Il Campione del Mondo Marc Marques in scia ed il sempiterno Valentino Rossi, dietro,  pronto ad approfittare  di un qualsiasi errore  del duo di testa.
Il centauro spagnolo è davvero il migliore in circolazione con la sua Honda.  Inesorabile in circostanze come quella odierna. Tallona in scia  Dovizioso per togliergli concentrazione e confonderlo  ad ogni curva. Marques sa che la sua Honda   è in grado di uscire improvvisamente dalla scia  in frenata e sorpassare chi lo precede.  Dovizioso lo sa e non può fare altro che attendere ed affidarsi al proprio talento e coraggio.
Così passano gli ultimi giri ed arriva anche l’ultimo. La situazione non cambia. Che Marques non abbia la potenza o le gomme per attaccare una moto di pari prestazioni nonostante il vantaggio della scia?  No il furbo spagnolo (nemico giurato di Valentino) attacca alla penultima curva quando poi Dovizioso non avrà più modo di reagire. Il sorpasso  arriva  all’esterno di una curva a destra. Marques supera e poi stringe. Dovizioso è dietro. Ma il Campione del mondo non ha fatto i conti con il coraggio di Andrea. L’italiano, infatti, riesce ad infilare la sua ruota all’interno. C’è un piccolo spazio fra la Honda ed il cordolo. La Ducati ha la potenza per infilarsi.
Marques deve decidere: o continua a chiudere ed è collisione certa, oppure deve lasciare passare l’avversario.  È la prima tappa del Mondiale. Si può arrivare anche secondi!! Concede lo spazio. Dovizioso passa e vince per 27 millesimi di secondo.
Valentino anche sale su podio. Italia batte Spagna 2-1. Industria motociclistica italiana (Ducati)  batte industria giapponese (Honda e Yamaha). Inno di Mameli cantato a squarciagola dai meccanici italiani.
Eppure ci sono politici che lo sport - e quello che può significare per la crescita di un Paese,  lo scoprono solo adesso. Dovrebbero scoprire anche che il coraggio è una caratteristica italiana nazionale che non conosce latitudini. Un'Italia che si vuole dividere fra Nord e Sud. Fra attivi tassati  e passivi  assistiti. Dimenticando che il coraggio è figlio dell’orgoglio. E questo, certo, non si vende.
 
ORDINE DI ARRIVO:
01) A. Dovizioso (Ducati)
02) M. Marquez (Honda)
03) V. Rossi (Yamaha)
04) C. Crutchlow (Honda)
05) D. Petrucci (Ducati)
06) M. Viñales (Yamaha)
07) D. Pedrosa (Honda)
08) J. Zarco (Yamaha)
09) A. Iannone (Suzuki)
10) J. Miller (Ducati)
11) T. Rabat (Ducati)
12) F. Morbidelli (Honda)
13) A. Bautista (Ducati)
14) H. Syahrin (Yamaha)
15) K. Abraham (Ducati)
16) T. Luthi (Honda)
17) T. Nakagami (Honda)
18) B. Smith (KTM)
19) A. Espargaro (Aprilia)
20) S. Redding (Aprilia)
21) X. Simeon (Ducati)
Ritirati:
Jorge Lorenzo (Ducati)
Alex Rins (Suzuki)
Pol Espargaro (KTM)
 

CLASSIFICA PILOTI

N  Nome-Cognome Punti
1 Andrea Dovizioso 25
2 Marc Marquez 20
3 Valentino Rossi 16
4 Cal Crutchlow 13
5 Danilo Petrucci 11
6 Maverick Vinales 10
7 Daniel Pedrosa 9
8 Johann Zarco 8
9 Andrea Iannone 7
10 Jack Miller 6
11 Tito Rabat 5
12 Franco Morbidelli 4
13 Alvaro Bautista 3
14 Hafizh Syahrin 2
15 Karel Abraham 1
16 Takaaki Nakagami 0
16 Jorge Lorenzo 0
16 Xavier Simeon 0
16 Pol Espargaro 0
16 Bradley Smith 0
16 Alex Rins 0
16 Aleix Espargaro 0
16 Scott Redding 0
16 Thomas Lüthi 0
Ultima modifica ilDomenica, 18 Marzo 2018 23:28
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...