Menu
Flash - Operazione "Anno Zero". 22 provvedimenti a carico del clan del latitante Matteo Messina Denaro

Flash - Operazione "Anno Zero…

Trapani, 19 aprile 2018 -...

Serie A, 33ma giornata 2018. Brividi in testa, fuochi d'artificio a Firenze. CLASSIFICA

Serie A, 33ma giornata 2018. Brivid…

Roma, 8 aprile 2018 - Paz...

Men in Pink Gala - VIDEO - GALLERIA FOTOGRAFICA

Men in Pink Gala - VIDEO - GALLERIA…

dalla nostra corrispond...

Serie A – 32ma giornata. Altra giornata pro-Juve - CLASSIFICA

Serie A – 32ma giornata. Altra gior…

I bianconeri volano a +6 ...

Accademia Filarmonica Romana - “Tierra y Alma” M.Ángel Berna e Manuela Adamo

Accademia Filarmonica Romana - “Tie…

Danza di passione e di me...

La Siria è vicina, ma sta lì.

La Siria è vicina, ma sta lì.

Roma, 14 aprile 2018 - Le...

Serie A, 32ma giornata 2018. Inter, avanti piano.

Serie A, 32ma giornata 2018. Inter,…

Roma, 14 aprile 2018 - An...

Rugby Eccellenza. Padova, Fiamme Oro e Calvisano-Rovigo sono le due semifinali scudetto 2018

Rugby Eccellenza. Padova, Fiamme Or…

Roma, 14 aprile 2018 - Ne...

I veti incrociati complicano la soluzione della crisi

I veti incrociati complicano la sol…

Roma, 13 aprile 2018 - Da...

Accademia Nazionale di Santa Cecilia - Alexander Sladkovsky dirige autori russi

Accademia Nazionale di Santa Cecili…

Paganini v/s Mefistofele ...

Prev Next

Con messaggi pubblicitari e offerte speciali, aggiornavano i tossicodipendenti. 18 gli arrestati. Decine di perquisizione

cc retata notte 1Roma, 24 ottobre 2017 – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Frascati stando dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare e perquisizioni domiciliari,  emessa dal GIP del Tribunale di Roma su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 18 persone, appartenenti a un’organizzazione criminale dedita al narcotraffico, radicata a Roma, con base operativa e logistica in località Borghesiana, un territorio “cuscinetto” tra le storiche borgate di Tor Bella Monaca e Tor Vergata.

A capo della banda, due fratelli di origine partenopea.  L'organizzazione era gerarchizzata e con "turni di lavoro", impiegando nello spaccio, pusher e giovani vedette.

Le indagini dei Carabinieri hanno messo a fuoco le varie responsabilità, accertando e documentandone l'attività. I pusher erano persino dotati di telefoni cellulari dedicati, con i quali inviavano ai vari clienti messaggi pubblicitari firmati “gli amici di Finocchio”, aggiornandoli sulla disponibilità di stupefacente, cocaina, o su offerte "promozionali" per nuovi prodotti.

Al fine di  rendere più difficoltosa l'attività investigativa e repressiva delle Forze dell'Ordine, lo smercio era organizzato in modo tale da risultare “itinerante” e l’organizzazione prevedeva anche l’assistenza legale dei propri sodali in caso di arresto durante l’attività di spaccio. Per "invogliare alla produzione", i  guadagni per gli spacciatori erano  direttamente proporzionali alle vendite e al ruolo rivestivo in seno all’organizzazione.

A fine giornata, il ricavato dell’attività di spaccio veniva poi consegnato ai due promotori che, in caso di rendicontazione errata, infliggevano vere e proprie punizioni corporali.  

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Notizie

Speciali

Cronaca

Chi siamo

Seguici su...