Notizie

GPF1: Ferrari eroica in Austria

Red Bull Ko

Roma, 10 luglio 2022 – La Ferrari conquista il Gran Premio d’Austria con Charles Leclerc e rimette in discussione il primato della Red Bull di Max Verstappen nel Campionato del Mondo di Formula Uno.

Una storica impresa quella del giovane pilota monegasco e della Rossa di Maranello.

Una vicenda che non ha dato respiro dall’inizio alla fine di questo Gran Prix di metà stagione disputato in casa della Red Bull, in Austria.

TRE SORPASSI FANTASCIENTIFICI
Per conquistare questo successo Leclerc – Ferrari hanno dovuto operare la bellezza di 3 sorpassi a Verstappen, nel corso dei 71 giri in programma: alle tornate 13, 33 e 57.

L’olandese volante era partito in pole position, mantenendo la posizione rispetto a Leclerc che gli restava in scia seguito da Sainz.

Dietro, l’altro Red Bull, il messicano Perez nel tentare una rimonta, finiva per mettere nei guai Russell, a ripartire in ultima posizione, poi ritirandosi.

VERSTAPPEN-LECLERC CHE DUELLO!

Stupendo il duello far i primi due. in un circuito tutto curve. Passerà alla storia come i capolavori di Leclerc.

Difesa agli attacchi ineccepibile da parte di Verstappen che – alla curva Numero 6 al 33esimo giro – doveva cedere il passo ad un attacco esterno concluso con una “staccata” millimetrica e sorpasso all’interno.

Poi le solite vicende strategiche dei Pit Stop, dei cambi di gomme, hanno comportato la necessità da parte di Leclerc di ritrovarsi dietro all’olandese per nuovi sorpassi spettacolari; lottati tutti, promuoventi il pilota italo-monegasco.

Non finisce qui: dopo il sorpasso del giro 57 e l’ultimo pit stop di Leclerc al giro 59, il pilota ferrarista è ripartito davanti a Verstappen con un vantaggio di 4″5.

Decisivo, perche le gomme dell’avversario avevano 13 giri di usura in più, di esposizione al calore.

Ed invece, all’ interfono Leclerc denuncia che non gli funziona a dovere il pedale dell’acceleratore. Il bolide negli ultimi giri è obbligato a non poter gestire la velocità: o tutto gas o freno.

Il vantaggio della Ferrari diminuisce sensibilmente giro dopo giro e sul traguardo sarà appena di un secondo e nove decimi.

LA FERRARI TORNA IN CORSA MONDIALE
La vittoria, sudata e sofferta , è arrivata.

Leclerc rosicchia (suo il bonus del giro veloce) all’olandese 7 punti. Classifica 208 a 170.

A questo, la casa modenese ha dovuto anche assistere all’incendio della sua F-75 con a bordo Carlos Sainz al giro 57, proprio quando il pilota spagnolo si accingeva a sorpassare anche lui il Campione del Mondo Max Vertsappen, per siglare una memorabile doppietta..

SAINZ IN FIAMME- TUTTI A GUARDARE!
Un incidente gravissimo , che poteva avere conseguenze funeste poichè gli addetti con estintori in mano, non li hanno adoperati rimanendo a guardare Sainz che, da solo, è riuscito a tirarsi fuori dalle fiamme… inefficienza dell’organizzazione o campanilismo?

La fortuna benigna ha voluto che la tuta ignifuga di Sainz abbia tenuto il tempo necessario a cavarsela per conto proprio.

Un margine di 38 punti che a metà stagione può essere tranquillamente recuperato.

Evitando, però, che le vetture vadano a fuoco al momento di imboccare l’uscita per il rifornimento, oppure che i pedali dei comandi siano lubrificati a dovere…

Di sicuro al momento c’è soprattutto la grande classe e coraggio di Charles Leclerc.

 

Giacomo Mazzocchi

Giacomo Mazzocchi, giornalista professionista, è stato capo redattore di TuttoSport, capo della redazione sportiva di Telemontecarlo, direttore della comunicazione della Federazione Mondiale di Atletica Leggera e direttore della comunicazione della Federazione Italiana Rugby. Vanta una vasta esperienza suddivisa fra giornalismo scritto e video con direzione e gestione di giornali, pubblicazioni, redazioni televisive, telecronache, conduzioni e partecipazione televisive. Cura l'organizzazione e produzione tv di eventi e uffici stampa
Back to top button