Notizie

Er bello der creato

Sonetto romano

Er bello der creato

Sonetto romano

Quanno da quella costola eccedente
je venne l’estro der capolavoro
Domineddio, creava er precedente
pe’ da’ più senso ar ferro che all’alloro.
Famo a capisse, nun fece ‘na gueriera;
e manco volse apri’ ‘na fonderja
penzava, ‘ngenuo, che, visto che c’era,
stacchi ‘na costola e nasce la famija.

Proggetto egreggio, ricco e de futuro,
solo che er carcolo se rivelò sbajato;
mentre ch’Iddio se dichiarò sicuro
de fare centro, come pe’ di’:”Azzeccato!
Nun tenne conto,infatti, ner complesso,
che l’omo se fissava veramente
a fa’ esercizio ar gran circo der sesso
e da famija j’importava un gnente.

Attratto da ‘na forza misteriosa
Pe’ dilla tutta proprio terra terra,
quer povero minchione, pe’ ‘sta cosa,
fa er matto e s’inventa la guerra.

Perciò li preti, co, ‘na gran penzata,
Fissorno che de fora ar matrimonio
La femmina dell’omo, scostumata,
È fija dell’artro, inzomma, der Dimonio.

©FrancescoD’Agostino©DirittiRiservati©

Back to top button