Notizie

Ecco er Natale

Ecco er Natale

Sonetto romano

E co’ Dicembre ecco che vie’ er mese
che c’avvicina ar prossimo Natale,
‘n artr’anno è ormai passato, bene o male
che nun è stato avaro de sorprese.

Come quello passato sarà uguale
la corza a fa’ i regali e tante spese,
co le speranze che se so sospese
a l’anno novo che porti ‘n segnale.

Che da sto tunnel indove semo entrati
se possa finarmente usci’ de fora,
margrado quer che dicheno i scenziati.

Ve faccio tanti auguri fin da ora
che er Dio che nascerà e che cia’ creati,
ce faccia illumina’ da ‘n antra aurora.

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Back to top button