Cultura

Vladimí, so Mario …

Sonetto Romano

Vladimí, so Mario …
Sonetto Romano

Vladimí, so Mario! – Ma Mario chi -?
So Mario Draghi aoh, nun te ricordi,
so quello che te fa girá li sordi
ascorta che te dico, sta a sentì’!
È vero n’se sentimo da parecchio,
nun m’attacca’ de botto l’apparecchio!

Intanto come stai ? Spero ‘n salute…
si, sto bene pure io, co quarche acciacco,
da quanno c’hai inizziato que l’attacco
ormai nun faccio artro che discute.
Che fra, chi la vo cruda e la vo cotta,
me sento come fossi na mignotta.

L’America e tedeschi co l’ingresi
nun vonno sta a sentí raggione arcuna,
la Francia invece s’è messa ‘n tribbuna
e aspetta quer che dicheno i cinesi.
Che quí, se nun me invento quarche cazzo,
io rischio da zompá e me fanno er mazzo.

Allora mo j’ho detto ai delegati
che ufficiarmente te fò le sanzioni,
cosí je famo crede a sti cojoni
che noi restamo sempre litigati.
Ma intanto te l’appoggio cor Donbasse,
abbasta che però n’me chiudi er gasse !

Je manno dù miccette a l’Ucraìna
cosí je do da beve a l’alleati,
ma le ville e li yotte sequestrati
te li riprenni tutti quanto prima.
Bisogna da, da beve a chi cia sete,
mo vado a dije dù cazzate in rete !

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Guarda anche
Close
Back to top button