Cultura

Regalo de staggione

Regalo de staggione

Quanno se dice “”m’arzo “” è come dire
ch’ er giorno che iersera era finito;
parte daccapo pe’ ricominciare:
datosi che quell’antro se n’è ito.

Arriva Marzo, er mese de la sveija,
s’aricomincia, levàmose la maija.

Dice: ma questi mesi nun so’ eguali?
Che c’ha sto Marzo che l’antri nu ce l’hanno?
Li mesi, Ciccio, nun so’ tali e quali
l’omìni che se ‘n ce so’ ce fanno…

Gli è’ che gli era freddo ieri a sera;
domani invece, Ciccio, è primavera.

©Francesco.D’Agostino©diritti riservati©

Tags
Close