Cultura

Nun facce caso

Sonetto romano

Nun facce caso
Sonetto romano

Nun facce caso, se mò parlo poco,
se nun ce vedo più e nun ce sento,
se quello che m’ardeva come ‘n foco
a l’improvviso è come fosse spento.

Nun facce caso, se nun ciò er soriso
che drento l’occhi me brillava acceso,
è annato via così, a l’improvviso
pe corpa der destino che m’ha offeso.

Fà parte de le cose de la vita
che quanno mena forte sà fà male,
me sanguina profonna ogni ferita,
e quello ch’era zucchero mo è sale.

Nun fà caso, se come ‘n animale
me sò intanato ogni quar’vorta ho pianto,
vedrai, ritornerò com’ero uguale
e nun me scorderò, che m’eri accanto.

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Guarda anche
Close
Back to top button