Cultura

Nun ce fa caso…

Sonetto Romano

Nun ce fa caso…

Sonetto Romano

Nun ce fa caso, se mo’ parlo poco
magari sarà solo pe ‘n momento,
ma er foco che m’ardeva adesso e’ fioco
e a sostenello nun ce sta più vento.

Nun ce fa caso, se ‘n cio più er soriso
che drento l’occhi me brillava acceso,
e’ annato via così’, a l’improvviso
rubbato dar destino che m’ha offeso.

E nun fa caso se ‘n cio piu’ la voja
de riprovacce e ricascacce ancora,
ma cio quarcosa drento che nun quaja
e questo maggiormente m’addolora.

Ma so le botte che te da la vita,
che quanno mena forte sa fa male
e sanguina profonna ogni ferita.

Nun ce fa caso poi, se a vorte ho pianto,
vedrai, ritornerò com’ero uguale
e nun me scordero’, che m’eri accanto.

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

Guarda anche
Close
Back to top button