Cultura

‘Na storia de Natale

Sonetto romanesco 

‘Na storia de Natale

Sonetto romanesco 

Pochi di’ doppo er solstizzio ,
s’entra in clima natalizzio !

Se diventa ‘n po’ più boni.
Se preparano li doni !

….. In periferia romana,
batte più de ‘na mondana…

È ‘n lavoro proprio duro:
freddo, pioggia, ne lo scuro!

… Ma stavorta, pe’ Natale,
generoso, ’n “Principale”

s’e’ rivolto a la protetta,
sorseggianno ‘na biretta:

“metti vie’ Babbo Natale,
ora, drento a ‘sto locale!

Tu, a Lui, che je diresti?
E che cosa chiederesti?…

Lei ce penza, ’n po’ perplessa;
poi, decisa, lo confessa:

“quello che je chiedo a tutti;
sia a li belli che a li brutti:

fa, in lire, cento sacchi!
Nun fo sconti! ’N ce so’ cacchi”!!!

Pasquinaldo

Guarda anche
Close
Back to top button