Cultura

La salita

La salita

Sonetto romano

Rieccola davanti a l’ improvviso
che te riappare ancora na salita,
e’ ‘n ber regalo che te fa la vita
quanno che t’ha scoperto cor soriso.

Credevi che oramai era finita
er sole te splenneva ‘n faccia ar viso,
ma mo che a scenne annavi piu’ deciso
t’ ariva tosta ‘n antra impresa ardita.

T’aspetterai ‘n aiuto da quarcuno
du ali che te fanno prenne er volo,
ma poi te giri e nun ce sta nessuno.

E allora te fai forza e sali ar polo
de cento nun ce ‘n e’ rimasto uno,
perche’ chi sale, va sempre da solo.

©Ernesto Pietrella©DirittiRiservati©

 

Back to top button