Cultura

La pandemia vista dar gregge

La pandemia vista dar gregge

Quando ’n virus ariva qua,
nun t’hai da preoccupa’;

che’ lo Stato, previdente,
già ben conscio der frangente,

cia’ già pronte profilassi
ben pensate! ‘N ce so’ cassi!…

Quest’e’ gente c’ha studiato;
e più d’uno è diplomato!…

Se je scappa ‘na scemenza,
è pe’ corpa de la scenza

ch’e’ un sacco complicata!
J’annerebbe ben spiegata

ai politici ignoranti
(che so’quasi tutti quanti).

Quindi, segui l’istruzzioni:
resta bono a pecoroni,

sempre lavate le mano
(puro se nun tocchi gente)

e procura l’occorente:
compra er gel, poi li guanti,

come fanno già in tanti;
e se poi respiri piano ,

rispettando la distanza,
ch’e’ de due fino a sei metri,

ciò avrà ‘na sua importanza…
o te piazzi dietro ai vetri!

Ma potrai sta’ piu’ vicino
doppo ave’ fatto ‘n vaccino.

Te lo comprerà lo Stato…
co’ le tasse c’hai pagato?

…Però, fino a che ‘n ce sta,
nun te resta che abbozza’!!!

Tags
Back to top button
Close